Banner
Banner
Home ARCHIVIO ARTICOLI Promozione A
CERTOSA in Promozione. Che barba!!! PDF Stampa
Scritto da Andrea Bazzurro   
Lunedì 25 Maggio 2015 08:08
Una grandissima impresa. Non ci sono altre parole per descrivere quanto ha fatto il Certosa negli ultimissimi anni. 
La ciliegina sulla torta è arrivata ieri pomeriggio, in una domenica di fine maggio caratterizzata da nuvole, un sole pallido e due colori che sovrastano sopra gli altri: l’arancio e il blu di un Certosa ancora una volta semplicemente fantastico, orgoglio di una delegazione che si è stretta attorno alla sua squadra di calcio.

Il grande artefice di questa sensazionale cavalcata è senza dubbio di Fabio Carletti, un giovane allenatore emergente (classe 1976, profondo conoscitore di calcio) autore di un simpatico fioretto “stile Quaresima”: l’istrionico allenatore si è fatto crescere un folto barbone nero. 

“Non me lo taglio fintanto che…” il grande giorno è arrivato. Per scaramanzia, Carletti ha lasciato il rasoio e la lama nel cassetto, in attesa del miracolo sportivo. Le avvisaglie c’erano state nella semifinale vinta per 4-0 in un “Torbella” vestito a festa su un San Bernardino che era sparito nella ripresa, davanti a un pubblico da serie D, con il vetusto impianto della val Polcevera completamente tappezzato di arancioblù.

Ma il Certosa che prenderà parte per la prima volta nella storia al campionato di Promozione porterà in dote due novità, una certa, lo spostamento del quartier generale dal “Torbella” al “Cige” visto che l’impianto di Rivarolo non può ospitare match di Promozione, e forse l’allestimento di una Juniores che funga da serbatoio alla prima squadra.
La nuova avventura è già iniziata. 
 
Banner
Banner