E’ stata un vero e proprio colpo di scena, la notizia dell’esonero di Luca Margari dalla panchina del Bargagli San Siro. L’ex-tecnico del Torriglia, infatti, avrebbe dovuto scendere in campo ieri sera in Coppa contro il Marassi ma al suo posto a guidare la squadra c’era il tecnico della Juniores Lacognata. Al di là della sconfitta per 2-1 che ha di fatto estromesso il Bargagli dalla competizione, a tenere banco è stata ovviamente la decisione della società di sollevare Margari dall’incarico, decisione maturata a poche ore dalla sfida di Coppa Liguria.

«E’ stata una scelta fatta un po’ di comune accordo – ci racconta il diesse del Bargagli San Siro, Agostino Schiavo – presa perché la squadra è molto discontinua e, per questo, abbiamo deciso di interrompere il nostro rapporto. Voglio però che sia chiaro che Luca [Margari, ndr] ha fatto davvero un ottimo lavoro, ma non ci convinceva il rendimento della squadra per quello che sono i suoi valori assoluti, almeno questo è quello che pensiamo come società. Non si discutono assolutamente né l’impegno né la preparazione e la professionalità di Margari ma a volte la squadra, per tanti motivi, non risponde come vorresti e noi non vedevamo la giusta cattiveria agonistica».

Si è parlato di Pilleddu come possibile sostituto ma la società sta prendendosi il tempo per decidere al meglio. «Con Bobo abbiamo effettivamente avuto un incontro poi però non se ne è fatto di nulla per problemi suoi. Altri nomi? E’ un po’ troppo presto per parlare di nomi. Al momento stiamo valutando e soprattutto parlando personalmente con ognuno di loro. Per questo, è probabile che anche sabato in panchina ci vada mister Lacognata. Gli è stato chiesto di farlo ieri sera e la società lo ringrazia della sua disponibilità ma per decidere davvero ci prenderemo il giusto tempo, Vogliamo affrontare al meglio questa scelta e le responsabilità che ne deriveranno».