Sontuosa la campagna acquisti condotta da Fabrizio Vaccarini, neo direttore sportivo del Canaletto Sepor in sintonia con il nuovo mister Clodio Bastianelli.


Al di là della conferma dei molti giovani usciti dal vivaio gialloblu, di rilievo gli ingaggi del portiere ex aquilotto Edoardo Bertagna

con trascorsi vincenti nella Fezzanese, del fluidificante Giulio Ponte di scuola

blucerchiata, anch’esso una delle icone della gloriosa Fezzanese e del jolly Matteo Marozzi,

un ritorno il suo alla casa canarina, tutti e tre provenienti dalla Tarros Sarzanese. Per puntellare la difesa ecco le firme di Marco Signore dal Follo e Davide Richerme dal Pegazzano, mentre sul fronte offensivo ecco Damiano Mini, ex di Ceparana, del bomber Federico Costa, ex Beretti dello Spezia calcio, bomber del Follo per un triennio e di Alessandro Maggiali, l’anno scorso al Cadimare, di proprietà della Fezzanese. Un capitolo a parte merita il ritorno all’attività del trequartista Alessio Poli che si era fermato per motivi di studio, sicuramente uno dei migliori talenti che abbia mai espresso il calcio dilettantistico spezzino.

Organigramma TECNICO


Responsabile area tecnica: Fabrizio Vaccarini.
Dirigente responsabile: Sergio Jolì.
Team manager: Franco Calcagnini
Allenatore: Clodio Bastanelli; vice allenatore: Alessandro Poletto; preparatore atletico: Marco Toracca; preparatore dei portieri: Doriano Coselli, fisioterapista: Diego Panico.

La Rosa del CANALETTO


Portieri: Luca Argenziano, Edoardo Bertagna (Tarros S.).
Difensori: Francesco Bellini (96), Andrea Calcagnini (97), Marco Lonardo (98), Mattia Di Moisè (98), Amerigo Boggio, Marco Signore (Follo), Giovanni Villa (97), Davide Richerme (Pegazzano), Giulio Ponte (Tarros S.).
Centrocampisti: Davide Ardovino, Matteo Marozzi (Terros S.), Andrea Ambrosini (98), Daniel Kamagatè (96), Carlos Fimo (98), Nicola Sanguinetti (96).
Attaccanti: Damiano Mini (Ceparana), Alessio Poli, Giosuè Arena (97), Valerio Cattani (96), Cristian Lonardo (98), Daniele Bertagna (98), Federico Costa (Follo), Alessandro Papocchia (97), Alessandro Maggiali (96, Cadimare).

E’ decollata la nuova stagione del rinnovato Usd Canaletto Sepor che parteciperà con ambizioni al prossimo campionato di Prima categoria.


Alla presentazione dei canarini che si è svolta nell’accogliente centro sportivo di Montepertico, grazie alla disponibilità di Fabio Sorrentino, sono intervenuti graditi ospiti il presidente della Federcalcio Ligure: Giulio Ivaldi ( nella foto sotto il secondo da sinistra) sempre molto alle vicende delle società spezzine e l’Assessore allo Sport Lorenzo Brogi, ex gialloblu, che ha portato i saluti dell’Amministrazione Comunale ad una delle società più antiche dello spezzino. 
A fare gli onori di casa il presidente Claudio Cerrone, i dirigenti del direttivo Ugo Questa, Gennaro Papa e Stefano Risso, il neo responsabile dell’area tecnica e organizzativa, Fabrizio Vaccarini, il segretario Alberto Bussolino e le responsabili dell’area comunicazione Sabrina Benassi e Elisa Bonamini. A conferma della imprescindibile continuità tecnica tra i vari settori, fondamentale anche la presenza dei responsabili della gloriosa scuola calcio gialloblu Angelo Colletta e Antonio Rufolo.
Ad introdurre la simpatica serata, lo “storico” dirigente Ugo Questa, in sella da oltre 55 anni

che insieme a Vittorio Braguzzi ha fondato la mitica società gialla nel lontano 1961: «Mi piace avvertire un clima nuovo – afferma Questa – le sensazioni iniziali sono subito positive. La Prima squadra negli anni è sempre stata il giusto coronamento del cammino dei nostri giovani che ricordiamo inizia dall’Oratorio Salesiano del Canaletto. L’importante è creare un gruppo con valori educativi importanti che siamo di esempio agli oltre 250 tesserati che abbiamo, poi il resto verrà da sé. Certo puntiamo in alto, ma l’obiettivo primario, al di là del risultato finale, è riavvicinare i nostri ragazzi alle vicende della Prima squadra della nostra società».

Molto motivato il mister Clodio Bastianelli:

«Veniamo da campionati anonimi, non proprio in linea – dice il tecnico dei canarini – con il blasone del Canaletto. Con il direttore e in accordo con la società pensiamo di aver allestito una squadra senza particolari punti deboli, poi quanto saremo bravi lo potrà dire solo il campo. Lo staff tecnico con Poletto, Toracca e Coselli è di altissimo livello, i ragazzi devono solo mettercela tutta e seguire una linea guida comune senza sgarrare per essere d’esempio a tutti i nostri ragazzi delle giovanili. Alla presentazione sono rimasto impressionato dalla voglia di ritornare protagonisti del presidente Cerrone e di tutti gli storici dirigenti, ci sono tutti molto vicini e non vogliamo deludere nessuno».

Prima del festoso brindisi benaugurante non potevano mancare le parole del presidente Claudio Cerrone:

«La società ha fatto molto e ora si aspetta molto dallo staff e dalla squadra, vedo tanto entusiasmo e questo è sicuramente alla base di ogni proficuo progetto. Il campionato di nostra competenza è la Promozione, ma vincere non è mai facile e gli avversari si sono molto rinforzati. Poi certo il nostro sogno nel cassetto sarebbe di salire prima o poi in Eccellenza».