Sfida importante quella di oggi per il Busalla che, nel recupero della 7ª di campionato, affronta il Vado al “Negrotto” di Serra Riccò. Sfida importante perché una vittoria non farebbe altro che lanciare ancor di più la squadra di Cannistrà verso i quartieri nobili della classifica e, soprattutto, renderebbe ancor più evidente l’ottimo inizio di campionato messo in campo fino a questo momento.

«Sì, se guardiamo la classifica, oggi si distribuiranno punti pesanti, da una parte come dall’altra – ci conferma proprio Gianfranco Cannistrà – ma il nostro obiettivo non è quello di guardare la classifica, almeno non oggi. Vogliamo solo e semplicemente mettere più punti possibili in cascina per avvicinarci a quello che è il nostro vero obiettivo, cioé la salvezza. Certo, ci fa piacere stare lassù ma non dobbiamo ammirare troppo la classifica. Dobbiamo lavorare ogni partita per fare più punti possibile».

Di fronte, però, un Vado che arriverà a Genova carico a mille, per provare a candidarsi al ruolo di prima inseguitrice della capolista Rivarolese. «Loro sono sicuramente un’ottima squadra – prosegue Cannistrà – lo dicono anche i risultati fatti finora, ma si tratta pur sempre di una partita infrasettimanale, che si gioca a pochi giorni da quelle della domenica e quindi è possibile che le energie non siano al 100%. Li abbiamo studiati a fondo e mi auguro oggi di trovare i miei ragazzi pronti».

Ma cosa si può chiedere di più ad una squadra come la vostra che, fin qui, ha fatto già molto bene? «Non voglio essere mieloso ma proprio ieri ho parlato ai miei ragazzi e devo dire che comunque, alla fine, eccetto che nella gara di Coppa Italia contro il Molassana nella quale abbiamo proprio sbagliato l’approccio, da quella partita in poi non posso rimproverare davvero nulla perché abbiamo sempre fatto la prestazione, lasciando magari qualche punto per strada ma non per demeriti nostri. Per questo posso dire che al momento sono davvero molto soddisfatto. Ho una rosa, e domenica ad Albenga ne ho avuto la certezza, che è un gruppo affiatato, nel quale puoi lavorare e che ha grande spirito di sacrificio. A questi ragazzi chiedo solo di scendere in campo con determinazione e di giocare come sanno. Tre domeniche fa contro il Pietra avremmo meritato anche più del pareggio e invece abbiamo perso. Domenica scorsa abbiamo messo in campo un’altra grande prestazione e preso quello che forse ci meritavamo, ma questo è un grande gruppo e, se continueremo su questa strada, sono convinto che potremo toglierci qualche bella soddisfazione».