Come avete letto precedentemente sul nostro portale, il “walzer delle panchine” ha coinvolto anche molte squadre di Prima Categoria: tra queste, è arrivato il divorzio fra Francesco Caorsi e l’ANPI. Decisione arrivata dopo una stagione che, seppur mai completata sul campo, aveva visto la squadra di mister Caorsi lottare sino all’ultima giornata per le prime posizioni in classifica – insieme a Voltrese e Superba. 

Abbiamo contattato telefonicamente l’ormai ex allenatore dell’Anpi, che si dice pronto per una nuova avventura.

Che cosa ti porterai dietro di quest’ultima esperienza all’ANPI?

«Dal punto di vista sportivo, in tre anni mi sono riuscito a togliere molte soddisfazioni: una promozione in Prima Categoria il primo anno; una salvezza e una semifinale di Coppa Liguria l’anno successivo; e infine quest’ultima stagione, dove l’ANPI è stato per buona parte del campionato in prima posizione e che, poco prima dello stop, era ancora lì a lottare per la Promozione insieme alla capolista Voltrese e alla Superba. Ma il passato è passato: ora è il momento di guardare solo al futuro».

Il futuro: dopo un annata così, in che categoria ti vedi? Hai già avuto contatti con altre società?

«Al momento sono libero, ho ricevuto qualche telefonata: sono sul mercato. Dove mi vedo? Non ne faccio una questione di categoria: mi piacerebbe entrare a far parte di una società composta da persone organizzate, ambiziose e che trasmettano passione per il calcio. Da tecnico, oppure da secondo allenatore in realtà più ambiziose…»

Sei pronto per una nuova avventura?

«Certamente! Il calcio per me è un grande amore, una passione: mi piace aggiornami costantemente e cercare di migliorarmi sotto ogni aspetto. Stare in campo mi da un senso di libertà incredibile, non ne potrei fare a meno. Quindi sì, sono pronto: non vedo l’ora di ricominciare e riaccendere quell’entusiasmo che solitamente mi contraddistingue».

 

Torna alla HOME di Dilettantissimo