Ammettiamolo, sabato scorso siamo arrivati tutti al Paladiamante con negli occhi le belle prestazioni offerte in Coppa Italia contro L84 e poi contro il Città di Asti. E tutti, dopo il ko contro il Mantova, ce ne siamo andati con in testa la brutta sensazione dell’occasione persa, della partita sbagliata, di un “avremmo potuto fare ma non l’abbiamo fatto”. Pazienza, a volte capita! Specialmente quando parliamo del debutto in una nuova categoria, difficile per definizione. 

Oggi la Cdm Genova di Michele Lombardo sarà di scena in casa del Milano Calcio a 5, in una trasferta difficile ma da non sbagliare. In settimana, nel chiuso dello spogliatoio, mister e giocatori hanno analizzato a fondo gli errori commessi e oggi, a Milano, starà a loro dimostrare che la Cdm ormai appartiene a questa categoria, che qui ci possono stare anche loro, insomma.

Lo scotto del debutto l’abbiamo pagato sabato, adesso non ci pensiamo più e iniziamo a giocare come sappiamo. Se gli avversari saranno più forti stringeremo loro la mano e faremo loro i complimenti a fine gara ma, quello che i tifosi biancoblù vogliono e che la squadra sa di poter fare, è che si esca dal campo consapevoli di aver fatto il massimo, di aver dato il massimo.

Partita speciale oggi per il brasiliano Leandrinho che con la maglia del Milano ha giocato fino alla scorsa stagione. La speranza, però, è che quella di oggi sia una partita speciale un po’ per tutti, la prima di una lunga serie.