9ª giornata Campionato Serie D – Girone E  2017/2018

Domenica 29 ottobre 2017
SAN DONATO TAVARNELLE – ARGENTINA 2-0
(13′ Cela, 90’+2 Regoli)
SAN DONATO: 1.Giusti, 7.Cela (A 56′), 10.Regoli, 13.Picascia (A 85′) (dall’86 15.Nuti), 19.Frosali, 21.Vecchiarelli, 23.Di Vito, 26.Favilli (A 21′), 27. Caciacli (cap), 37.Carradori (A 33′) (dal 63′ 4.Manganelli), 77.Giordani (dal 63′ 98.Motti (A 69′)). A disp: 12.Florindi, 6.Salvestroni, 8.Rinaldini, 9.Pozzi, 15.Nuti, 32.Miccoli, 69.Rustici. All: Marmorini.
ARGENTINA: 1.Trucco, 2.Perpignano, 3.Fici (dall’89’ 15.Ginatta), 4.Acampora, 5.Sonnini (A 52′), 6.Fiuzzi (cap) (A 31′), 7.Carletti, 8.Piras (dal 61′ 16.Miceli), 9.Castagna, 10.Ruggiero, 11.Malafronte (A 45′) (dal 46′ 18.Dominici). A disp: 12.Consol, 13.Mechetti, 14.Lanteri, 17.Luci, 19.Aretuso, 20.Vitiello. All: Casu
DIRETTORE DI GARA: sig.Andrea Bordin (BASSANO DEL GRAPPA)
ASSISTENTI: sig.Giuseppe Maiorino (NOCERA INFERIORE) e sig.ra Carmelina De Angelis (NOCERA INFERIORE)

Ancora una sconfitta per l’Argentina che cade sul campo del San Donato per 2 reti a 0. Partita dai due volti per gli armesi: primo tempo con una prestazione decisamente sottotono e ripresa molto più vivace. Il  buon secondo tempo non basta però ai ragazzi di Mister Casu per rimettere la gara sui giusti binari e, allo scadere, c’è anche il tempo per il raddoppio dei padroni di casa. Complice la vittoria dello Scandicci sul Sestri Levante, la classifica si fa pesante ma già mercoledì tra le mura amiche dello “Sclavi” i rossoneri avranno l’occasione di rifarsi e dare seguito ai miglioramenti di prestazioni e risultati visti dal cambio societario ad oggi.
LA CRONACA DELLA PARTITA

13′ San Donato subito in avanti. Carradori recupera palla e pesca Celi in area. Tiro in porta sul quale Trucco non riesce ad arrivare. Vantaggio dell’undici di casa alla prima occasione;
15′ Punizione poco fuori area alla destra della porta. Tiro di Acampora che viene respinto dalla barriera;
20′ Ancora Tavarnelle in avanti: Di Vito pesca Celi in area che questa volta non inquadra lo specchio della porta;
25′ Caciacli trova Di Vito al limite dell’area di rigore: rasoterra che si spegne sul fondo di poco a lato della porta difesa da Trucco;
27′ Uno-due tra Piras e Perpigano che libera Carletti. Servito ancora una volta Piras che però controlla di mano e vanifica una potenziale occasione per gli ospiti;
30′ Di Vito trova Caciacli in area che conclude di prima intenzione in porta. Il suo tiro è però debole e Trucco non ha problemi a bloccare;
34′ Perpignano combina con Piras. Viene poi servito Carletti che mette a centro area un pallone velenoso sul quale nessun rossonero riesce ad arrivare per la deviazione vincente;
40′ Punizione per l’Argentina. Conclusione direttamente in porta sulla quale arriva Giusti;
44′ Punizione pericolosissima calciata da Regoli. Il pallone impatta sulla traversa e torna in campo con Trucco immobile.

47′ San Donato ancora in avanti: grande azione personale di Di Vito che viene fermata da un ottimo intervento di Fiuzzi alle porte dell’area di rigore;
68′ San donato vicino al raddoppio con Regoli che supera Trucco in uscita ma conclude alto sopra la traversa;
70′ Ruggiero dal limite dell’area salta un avversario con una finta e conclude verso la porta. Pallone alto sulla traversa;
76′ Cross di Ruggiero e stacco di testa in area di Miceli. Palla a lato di un soffio;
80′ Palla a Miceli che prova un tiro-cross. Allontanata dalla difesa di casa nei pressi della linea di porta;
84′ Dribbling ottimo di Miceli che entra in area palla al piede. Il fantasista rossonero viene poi atterrato da un avversario ma l’arbitro non ritiene ci siano gli estremi per il calcio di rigore;
90’+2 Argentina completamente in avanti alla ricerca del pari e San Donato che punisce in contropiede con Regoli. Conclusione perfetta che Trucco riesce solo a sfiorare.

LE DICHIARAZIONI

CASU: “Abbiamo regalato il primo tempo: non si può prendere un goal così dopo un quarto d’ora. Nel secondo tempo la squadra ha giocato con un altro piglio ma sfortunatamente non siamo riusciti a pareggiare. Sono poi passato ad un attacco a 4 per gli ultimi minuti e abbiamo preso il raddoppio in contropiede. Ora testa a mercoledì perché è una partita da non sbagliare”.



style="display:inline-block;width:336px;height:280px"
data-ad-client="ca-pub-5157180716173565"
data-ad-slot="6875731335">