La sconfitta patita ieri contro il Baiardo, in casa Molassana ha lasciato molto amaro in bocca, sia per tre punti preziosi “regalati” ad una diretta concorrente per la salvezza, sia per come questa sconfitta è arrivata.

«Prima di tutto mi preme dire che è stato davvero un bel derby – commenta il diesse rossazzurro Fabrizio Barsacchi – Nel pre partita hanno sfilato i bambini delle scuole calcio e sugli spalti c’era davvero una cornice di pubblico degna di un derby come questo. In partita, poi, ho visto un Molassana davvero in palla, al quale forse stava stretto anche il pareggio. Abbiamo colpito tre pali, ci siamo visti annullare un gol e abbiamo avuto tanta sfortuna. Si dice sempre che “Chi vince festeggia, chi perde spiega” ma io non voglio spiegare proprio nulla. Come al solito, anche ieri, abbiamo raccolto solo tanti complimenti ma siamo usciti dal campo con un pugno di mosche. O almeno, siamo usciti dal campo con la consapevolezza che il Molassana è vivo, ha voglia di lottare fino alla fine e venderà cara la pelle».

Ancora una volta, tanta sfortuna e qualche decisione dubbia da parte degli arbitri… «A proposito degli arbitri, voglio solo dire che sono e sono stati bravissimi – prosegue Barsacchi con tono ironico – Anzi, sono sicuro che l’assistente che ci ha annullato il quarto gol della stagione sia talmente bravo da aver notato qualcosa che è sfuggito a tutti gli altri spettatori presenti sugli spalti, me compreso. Speriamo che la Federazione continui a mandarceli così bravi!». 

Per chiudere, come sta Caramello, uscito ieri malconcio da uno scontro con Battaglia? «Per fortuna sembra che l’infortunio sia meno serio del previsto. Meglio così. Ne approfitto però per mandargli un grande abbraccio e un in bocca al lupo. E’ un giocatore fondamentale per noi. Non vorrei che, senza di lui, toccasse a me rimettere gli scarpini ai piedi!»