LA FEZZANESE ha deciso: MASSIMO PLICANTI sarà il successore di Giuseppe Zuccarelli.

La Nostra indiscrezione di qualche giorno fa si è rivelata fondata. La squadra del presidente IVAN STRADINI ha sicuramente scelto un ottimo allenatore, giovane e con tanta esperienza alle sue spalle, motivato e con tanta voglia di dimostrare sapendo di doversi mettere in gioco, come lui stesso dirà nell’intervista a margine dell’articolo.
Ripercorriamo la carriera di PLICANTI allenatore:
MASSIMO PLICANTI consegue il patentino di allenatore di base nell’anno 2000 e l’anno successivo allena i Giovanissimi Nazionali dello SPEZIA.

Poi, dal 2002 al 2004, viene ingaggiato in PROMOZIONE nel CARPEDIEM FOSDINOVO e nei due successivi campionati allena la SARZANESE in ECCELLENZA per poi passare, per altri due anni, nelle fila della SAMMARGHERITESE sempre in ECCELLENZA.

Nel 2008/2009 altro salto di categoria in SERIE D con la SARZANESE, mentre il campionato seguente torna in ECCELLENZA, ma quella toscana nelle fila dello SPORTING MASSESE.

La SARZANESE lo riabbraccia nel 2010/2011 ancora in Serie D, mentre nel 2011/2012, dopo 8 anni, torna ad allenare in promozione nel MAGRA AZZURRI.

I successivi tre campionati li passa nella CARRARESE guidando prima la BERETTI NAZIONALE per due stagioni e poi gli ALLIEVI NAZIONALI.
Nel frattempo, anno 2013, consegue il patentino di ALLENATORE PROFESSIONISTA.

Questo il pensiero di MASSIMO PLICANTI:
“Dopo 3 anni intensi e formativi, passati al settore giovanile della CARRARESE CALCIO, dove oltre ad allenare le categorie BERRETTI e ALLIEVI NAZIONALI ho svolto con grande entusiasmo anche il ruolo di collaborazione con la prima squadra, visionando e redigendo le relazioni tecnico-tattiche degli avversari, mi sento pronto ad intraprendere una nuova avventura, con la fermezza di un programma tecnico dalle basi sportive solide.

Il calcio negli ultimi anni ha subito un radicale cambiamento anche a livello dilettantistico, a livello sia tecnico che organizzativo e gestionale, ma sono convinto che professionalità e serietà siano, per un allenatore, fattori determinanti e mai mutabili nel tempo.
Alla FEZZANESE sono certo di trovare queste qualità.
Sono contento di essere stato scelto dalla dirigenza per la mia professionalità e non per altri motivi come spesso accade altrove. Sono altresì consapevole che non sarà una passeggiata. Ci sono diverse squadre attrezzate per fare un buon campionato e la salvezza ce la dovremo conquistare mettendo in campo: determinazione, concentrazione e massimo impegno la domenica, tutto ciò lo si ottiene lavorando con serietà in settimana. Tutti questi discorsi però rimangono solo academici se non si ottengono i risultati che sono determinanti nella valutazione di chi svolge il mio ruolo. So benissimo che verrò apprezzato soprattutto per quelli. Allenare per me è una cosa bellissima perchè mi permette di trasmettere un pò della mia passione anche agli altri. “