Periodo di conferme in casa Finale che, giorno dopo giorno, sta annunciando la permanenza di giocatori chiave nella passata stagione, terminata anzitempo con una salvezza diretta e sul campo. Il primo elemento confermato è il calciatore che ha segnato gli ultimi gol giallorossoblu dell’annata 2019/2020, nell’ottima gara degli uomini di mister Buttu disputata al Borel, contro il temibile Busalla: Andrea Rocca, centravanti generoso e autore di gol pesanti.

Infatti Rocca, alla quarta stagione con questi colori, ha messo a segno 23 reti, ma alcune di queste sono risultate decisive per raggiungere degli obiettivi; per esempio il gol in finale di Coppa Italia di Eccellenza, vinta contro il Ligorna dagli uomini dell’allora tecnico Franco Villa.

Oggi, per iniziare questa serie di interviste ai calciatori finalesi confermati, c’è proprio il centravanti loanese, che ringraziamo per la disponibilità.

Andrea, cosa ti ha spinto a rimanere in giallorossoblu?

«Rimanere a Finale era mia intenzione fin da subito. Qui sono sempre stato bene perché è un ambiente tranquillo dove è bello lavorare, la società è seria e la permanenza del mister non ha fatto altro che semplificare le cose».

Questa squadra, prima dello stop, era in una fase di crescita notevole. Un gruppo squadra così dove poteva arrivare se fosse partito in quel modo ad inizio campionato?

«Sinceramente non so dove saremmo potuti arrivare, la cosa certa era l’obiettivo primario: la salvezza diretta, sapevamo che sarebbe stato difficile raggiungerla e che avremmo dovuto giocarcela fino alla fine, ma stavamo lavorando bene e eravamo pronti a giocare ogni partita per riuscire nell’intento. Poi sai, con i se e con i ma non si va da nessuna parte».

Tutto è finito con una tua doppietta contro il Busalla, a mio parere la partita più bella che il Finale ha fatto quest’anno. Soddisfatto di come hai disputato la scorsa annata?

«Sono d’accordo con te, è stata la partita meglio giocata e meglio interpretata dalla squadra in tutto l’anno. Il Busalla era una squadra molto forte e preparata, solo con una prestazione del genere avremmo potuto vincere. Personalmente posso ritenermi soddisfatto, perché erano anni che non giocavo in Eccellenza ed ero un po’ preoccupato dall’impatto che avrei potuto avere però, tutto sommato, non posso lamentarmi. Ho cercato di ritagliarmi il maggior spazio possibile, mettendomi sempre a disposizione del mister e dei compagni. So che però quest’anno dovrò impegnarmi molto di più per dimostrare che, una stagione soddisfacente, non è stata una casualità».

Per concludere, pensi che cercare di riconfermare sia la mossa più azzeccata che la società possa fare?

«Sì assolutamente, sono felice ci stiano riuscendo. Credo che l’anno scorso, da gennaio in poi, si sia buttata una base importante su cui lavorare, poi c’è stato lo stop e non abbiamo potuto vedere come sarebbe andata a finire. Quest’anno sarà un campionato ancora più duro, quindi tutti sappiamo che dobbiamo lavorare il doppio per raggiungere gli obiettivi prefissati».

 

Intervista di Davide Firpo

Torna alla HOME di DIlettantissimo

DILETTANTISSIMO ESTATE”: OGNI VENERDÌ ALLE 18:30 IN DIRETTA SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK UFFICIALE!

E allora seguici sui social! Troverai infatti tante notizie anche sui nostri portali! Siamo su Instagram (@dilettantissimo_official), Facebook (Dilettantissimo) Twitter (@Dilettantissimo), oltre al canale Youtube (Dilettantissimo) dove potrai trovare tutte le puntate di Dilettantissimo, gli highlights, le interviste e tutti i nostri contenuti multimediali!