Nonostante la sconfitta di sabato scorso in quel di Padova, contro un Petrarca che non nasconde certo la sua voglia di A1, in casa Cdm Genova si continua a respirare un’aria serena, anche se tutta la squadra è ben concentrata in vista della sfida di sabato prossimo contro un’altra aspirante alle zone alte della classifica: il Carré Chiuppano.

«Sabato a Padova siamo rimasti in partita fino alla fine – spiega Andrea Lombardo, autore del gol che aveva inizialmente illuso i genovesi – Siamo andati in vantaggio poi loro sono ripartiti forte e ci hanno pressati alti. Noi fatto continuato a fare il nostro gioco e abbiamo anche collezionato un paio di palle gol nitide che non siamo riusciti a concretizzare. Poi abbiamo sbagliato qualcosina a livello difensivo e abbiamo preso il gol del pareggio ma siamo stati ancora bravi a rimetterci sotto e abbiamo chiuso il primo tempo sull’1-1. Dopo 2′ nella ripresa abbiamo subito il 2-1 e a quel punto loro si sono chiusi, giocando in contropiede. Nell’assalto finale, abbiamo colpito un clamoroso palo con Luan Costa a pochi secondi dalla sirena e, sul pallone che ci avrebbe potuto regalare il 2-2, abbiamo subito la ripartenza che invece è valsa il 3-1 per il Petrarca. Che dire? Portiamo a casa i complimenti degli avversari e non so quante squadre andranno lì a Padova a fare la prestazione come abbiamo fatto noi. Li abbiamo messi davvero in difficoltà ma se ti limiti a leggere il risultato, sembra tutta un’altra partita».

Non è però la prima volta che la Cdm sfodera partite di grande spessore contro avversari di alto livello. Un caso? Nemmeno per sogno. «Con squadre di pari valore o addirittura che sulla carta hanno qualcosina in più, effettivamente giochiamo meglio – prosegue Lombardo – Probabilmente perché queste non si chiudono e inevitabilmente ti lasciano qualche spazio in più per giocare. Poi noi in campi larghi come quello di Padova facciamo sempre prestazioni di grande livello, proprio perché abbiamo giocatori rapidi e tecnici come Leandrinho o Luan Costa».

Sabato al Paladiamante arriva il Carré Chiuppano. «Onestamente, li conosco poco ma so che corrono tanto e che hanno dei giocatori di ottimo livello. Ce la giocheremo, come sempre. Siamo in casa nostra e vogliamo far valere la nostra legge. Lunedì non ci siamo potuti allenare a causa dell’allerta meteo ma stiamo recuperando e per sabato saremo di certo pronti. Anche i risultati dell’ultima giornata hanno ribadito che, in questo campionato, puoi vincere o perdere contro qualsiasi avversario. Guarda il Villorba che ha vinto 9-5 contro il Città di Asti! Probabilmente poi nel girone di ritorno, quando ci saremo incontrati tutti, la musica potrebbe cambiare ma per adesso è così e anche noi dobbiamo essere bravi ad approfittarne».