Due gare soltanto ma ben 11 reti, in questo mercoledì di recuperi in Serie D. Tutto facile per l’Albissola che, contro la Rignanese, passa in vantaggio già al 13’con la rete di Molinari che fa 1-0. Alle mezz’ora poi ci pensa Piacentini a raddoppiare per i ceramisti prima che l’arbitro sventoli il cartellino rosso sotto il naso di Burzagli, portiere della Rignanese, reo di aver interrotto un’azione da rete toccando la palla con le mani fuori dall’area di rigore. Ospiti in dieci e costretti a mandare in campo il secondo portiere Ferrari al posto di Gori. Prima del riposo, però, l’Albissola va a segno altre due volte: con Coccolo al 35′ ed infine con 44′ con Cargiolli

La musica non cambia nemmeno dopo l’intervallo, anzi, è proprio Cargiolli a riprendere esattamente da dove aveva lasciato e, al 53′, firma il gol che vale la manita. Dopo qualche cambio, arriva anche il 6-0 del neo entrato Papi che chiude così i conti e lancia l’Albissola all’inseguimento delle primissime posizioni della classifica.

Nell’altro recupero di giornata, va in scena la sfida fra Ligorna e Lavagnese. I padroni di casa partono fortissimo e, in meno di due minuti trovano vantaggio e raddoppio. Al 18′ è Valenti a mettere dentro la palla dell’1-0, poi al 20′ arriva il bis di Clematis, decisivo anche domenica scorsa contro il Seravezza. I bianconeri ci mettono un po’ a riorganizzarsi e la rete che riapre la gara arriva solo al 60′ con il guizzo di Basso. Il Ligorna, dal canto suo, tiene duro e prova a tenersi stretta una vittoria che sarebbe preziosissima per la classifica. All’83’ però arriva il 2-2 firmato da Cirricione che sembra scrivere la parola fine sui sogni di gloria dei ragazzi di Monteforte. Come nei migliori thriller, però, il finale riserva ancora una sorpresa e al 94′, in pieno recupero, arriva la zampata di Cantatore, che vale il definitivo 3-2 e regala i tre punti ad un Ligorna che sale a quota 19 punti, aggancia il Real Forte Querceta e si sposta nella parte sinistra della classifica. Una posizione decisamente più comoda.

Ancora una delusione per la Lavagnese, invece, che ormai sembra non riuscire più a vincere visto che l’ultima volta che i bianconeri hanno raccolto bottino pieno è stato il 22 ottobre scorso, esattamente un mese fa, in casa del Finale. Da allora, solo due punti conquistati, frutto dei pareggi contro Ponsacco e Sanremese.