<script async src="//pagead2.googlesyndication.com/pagead/js/adsbygoogle.js"></script> <!-- Barra Home Classifiche Dinamico --> <ins class="adsbygoogle" style="display:block" data-ad-client="ca-pub-5157180716173565" data-ad-slot="6536486539" data-ad-format="auto"></ins> <script> (adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({}); </script>

In venti anni di calcio sui campi dilettantistici, non avevo mai assistito a una situazione così peculiare. Riavvolgiamo il nastro. Semifinale dei Giovanissimi Regionali, terza gara del triangolare B, in campo ragazzi della leva 2001. Al “Monsignor Sanguineti” di Quarto Alto la GoliardicaPolis di mister Leo Cipani, campione regionale in carica, vince in rimonta, all’ultimo respiro, in un match vietato ai deboli di cuore, per 4-3 sul forte Canaletto. Ma fin dalle ore seguenti inizia a circolare la voce che i “canarini” spezzini abbiano presentato un ricorso poichè i verdeamaranto mettono come guardalinee un giocatore, la punta di diamante Zaami, infortunato e in borghese. Il Canaletto prende spunto da questa presunta irregolarità (il guardalinee lo deve fare un dirigente) e presenta i papiri che vengono accettati. Ergo, ieri pomeriggio, la doccia gelata. Dal Comunicato Regionale cambia il nome della seconda finalista, il Canaletto che batte 3-0 a tavolino il club genovese e che affronterà in finale un’altra spezzina, la Tarros Sarzanese. Ma da via Scribanti non ci stanno, mister Cipani una furia e dovrebbe essere stato presentato un contro ricorso.

<script async src="//pagead2.googlesyndication.com/pagead/js/adsbygoogle.js"></script> <!-- Barra Home Classifiche Dinamico --> <ins class="adsbygoogle" style="display:block" data-ad-client="ca-pub-5157180716173565" data-ad-slot="6536486539" data-ad-format="auto"></ins> <script> (adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({}); </script>