Finalmente è arrivata la decisione del Tar del Lazio in merito all’istanza cautelare presentata dalla Virtus Entella con la quale la società di Chiavari chiedeva la riammissione in cadetteria dopo la penalizzazione e la mancata iscrizione in Serie B del Cesena. Dopo una lunga attesa, però, il Tribunale ha respinto l’istanza e così (almeno per il momento) l’Entella resterà in Lega Pro.

Ancora nessuna reazione ufficiale è stata divulgata da parte della società del presidente Gozzi ma tutto fa pensare che, nelle prossime ore, possa arrivare una presa di posizione. Intanto, la Virtus Entella dovrebbe scendere regolarmente in campo domani sera, per la gara di campionato contro l’Arzachena.

«Nell’esame dell’istanza cautelare proposta dalla ricorrente – scrive il Tar nella sua sentenza – deve assegnarsi preminenza, allo stato, all’interesse alla prosecuzione e al regolare svolgimento del campionato in corso, nel rispetto dell’orientamento espresso di recente dal Consiglio di Stato in più occasioni».

In ogni caso, poi, la riammissione dell’Entella in B non potrebbe arrivare semplicemente dall’accoglimento dell’istanza da parte del Tar ma dovrebbe comunque passare da un’ulteriore valutazione da parte della FederCalcio. «L’auspicata ammissione al Campionato di Serie B in corso, […] negata con i provvedimenti impugnati, non costituirebbe una conseguenza immediata e diretta dell’accoglimento dell’istanza della ricorrente, essendo rimessa in ogni caso alla Federazione la valutazione in ordine alle conseguenti determinazioni da assumere».