<script async src="//pagead2.googlesyndication.com/pagead/js/adsbygoogle.js"></script> <!-- Dilettantissimo Home Center Link --> <ins class="adsbygoogle" style="display:inline-block;width:728px;height:90px" data-ad-client="ca-pub-5157180716173565" data-ad-slot="8152820539"></ins> <script> (adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({}); </script>

La favola dell’ATHLETIC CHIAPPA in Prima Categoria

Un ripescaggio più che meritato in Prima Categoria, per la prima volta nella storia di una società assolutamente particolare, nata appena nel 2009. Gli spezzini dell’ATHLETIC CHIAPPA del presidente Parenti hanno saputo solo oggi del clamoroso ripescaggio.

La squadra che gioca le partite casalinghe al “Pagliari”, ma si allena in un campo in terra sintetica, viene descritta dal vice presidente Gennaro Iaione, classe 1985 ex Mazzetta (i cui cugini sono Marco e Davide che giocano da anni a buoni livelli), che ha fondato la società ad appena 23 anni assieme al presidentissimo Parenti.

<Siamo una realtà atipica, non diamo rimborsi a nessuno, nè ai giocatori nè al mister e questa è la nostra forza, l’unità di intenti tra giocatori, dirigenti, staff tecnico fino alla cassiera Martina Landi.

Il ripescaggio in Prima Categoria ci riempie d’orgoglio, è una giusta riconoscenza al lavoro fatto dai ragazzi sul campo, ma non solo.

Eppoi abbiamo perso la finalissima Play Off con il San Lazzaro Lunense solo per un episodio, era una classica partita da zero a zero, ma un loro giocatore ha estratto dal cilindro un tiro che ci ha beffato, per il resto poche emozioni, gara tiratissima.

Noi abbiamo una cultura del calcio un po’ particolare, basata solo sulla pura passione dilettantissica.

Ma non sarà affatto facile salvarsi, noto che si sono formate sette super squadre, di cui quattro per me sono le favorite. Non ci sono più i nomi alla Bertucelli, ma tantissimi giocatori che sarebbero titolari in Promozione.

Per esempio occhio alla Cadimare con Bucellato su tutti, il solito Real Fiumaretta, il Marola e il Levanto>.
Per quanto riguarda il parco giovani, gli arancioneri vantano già dei ’95 interessanti, ma mancano i ’96, ne occorrono tre, già attivata una sinergia con un importante team della zona.