La prima giornata di campionato ha portato tre punti in casa Goliardica, con la vittoria sul Casarza ligure . Federico Ferrando commenta i motivi della sua scelta e il debutto in campionato della nuova squadra: «La scelta del cambiamento è stata dapprima forzata a seguito dell’esclusione dal Savona per motivi tecnici, poi di fronte a proposte a parità di categoria, ho preferito la stabilità di un lavoro a tempo pieno adattando il calcio ai miei ritmi di vita. Conoscevo Alberto Saracco [vice presidente di Goliardica, ndr] e mi e’ piaciuto il modo di pensare di questa società soprattutto riguardo i progetti futuri. Ho voglia di giocare e ho visto una squadra con ottime individualità , giocatori molto dotati, Goliardica unisce elementi di una certa età e quindi esperienza e giovani in forza fisica. Tutta la squadra è in una forma fisica ottimale e soprattutto ho visto tanta corsa. Ho ritrovato un giocatore che conosco e che ha fatto parte del settore giovanile del Savona, Mattia Cabras [leva 2000, proveniente dal Borzoli in prestito dal Savona, ndr] un buon giocatore, propositivo soprattutto in relazione all’età. Abbiamo poi un portiere come Filippo Mossetti che ha fatto categorie importanti come C2 e Serie D. Con queste premesse, credo fermamente che noi “vecchi” potremo traghettare i giovani sulla retta via».

Riguardo la prima di campionato contro il Casarza Ligure, Ferrando commenta: «Un primo tempo non bellissimo. Il Casarza calciava molto la palla e noi abbiamo seguito il loro gioco, nello spogliatoio abbiamo analizzato bene la partita, correggendo gli errori e abbiamo fatto un ottimo secondo tempo, giocando molto la palla e rischiando pochissimo. Un ottimo inizio di campionato».