Il Consiglio direttivo della Divisione Calcio a 5 svoltosi ieri a Roma ha ufficializzato alcune riforme che, a partire dalla prossima stagione, cambieranno  e di parecchio lo sviluppo della stagione del futsal, dalle prime squadre alle giovanili.

La Serie A2 2018/19, quella per intenderci che interesserà la Cdm Genova del presidente Matteo Fortuna, sarà composta da 36 squadre suddivise in 3 gironi, mentre la Serie B vedrà al via 96 squadre suddivise in 8 gironi. Altra novità importante è quella che riguarda i cosiddetti giocatori “formati”.  Per la Serie A2 rimangono obbligatori 7 formati su una lista di 12 mentre, per la Serie B, i formati obbligatori sulla lista di gara diventano 8 sempre su un massimo 12 giocatori. In tutte le categorie, poi, almeno due dei formati dovranno essere Under 21 cioé nati prima del 1/1/98. Per “formati” s’intendono quei giocatori che abbiano ottenuto il tesseramento prima del compimento del 14° anno d’età e che, da allora, abbiano seguito la trafila delle giovanili. E’ sottinteso però che quei giocatori considerati formati nella scorsa stagione manterranno la qualifica anche nel prossimo campionato. 

Per quanto riguarda i settori giovanili, poi, il Consiglio ha stabilito l’allineamento della situazione italiana a quella presente nel resto d’Europa. Nasce ad esempio il campionato U19 regionale che si affiancherà al campionato U19 Elite nazionale, con tanto di promozione e retrocessione fra questi due campionati. 

Confermate poi le date della prossima stagione. La Serie A2 dovrebbe prendere il via il prossimo 6 ottobre mentre è stata confermata anche per l’anno prossimo la neonata Coppa della Divisione. Verrà poi rivista la formula della Coppa Italia.