Una squadra profondamente rinnovata e uno staff ambizioso, guidato da due allenatori esperti come Corrado Schiazza e Massimo Zamana: sono questi gli ingredienti da cui riparte la nuova Sestrese 2018/19 che proprio oggi ha ufficializzato la rosa che affronterà la prossima stagione sportiva.

I verdestellati vogliono provare a far subito bene e, dopo l’amara retrocessione dello scorso anno, potrebbero essere la mina vagante del prossimo torneo di Promozione, forti di un’età media decisamente bassa (appena 22 anni!) e di una rosa allestita integrando ben 13 giocatori provenienti dal proprio settore giovanile. 

Ecco quindi i nomi di coloro che faranno parte del gruppo che, in campo e fuori, proverà a riportare in alto i colori della Sestrese:

«Siamo molto soddisfatti della rosa allestita – ha detto il dg verdestellato Antonio D’Acierno – Ci siamo mossi per tempo, riuscendo ad arrivare a tutti i giocatori che insieme al presidente e mister avevamo individuato. A maggio avevamo già completato lo staff tecnico con l’arrivo di mister Schiazza e del suo vice Zamana con i quali il rapporto è l’intesa è ottima da sempre. A fine giugno la rosa era già completa. I nuovi si stanno dimostrando ottime persone oltre che giocatori e si sono integrati al meglio. Abbiamo confermato alcuni elementi della rosa, con diversi giovani importanti che abbiamo voluto far rimanere con noi perché crediamo nelle loro potenzialità. Siamo fiduciosi, pensiamo di poter fare un buon un buon campionato, poi sarà il campo e il valore delle avversarie a dirci dove potremo arrivare».

«In queste tre settimane di preparazione – gli fa eco il diesse Andrea Catania – abbiamo già avuto la conferma che questo è un bel gruppo, già affiatato, in cui i nuovi si sono integrati già benissimo. Questa è una base fondamentale per ottenere risultati. Siamo contenti, c’è un giusto mix, con tanti giovani importanti che sono rimasti nonostante diverse richieste, e giocatori di esperienza ma ancora in età “giovane” che possono darci una grandissima mano per qualità tecniche e morali. Abbiamo allestito una rosa che crediamo importante nell’anno del nostro centenario, ma sempre tenendo conto dell’età anagrafica, non a caso l’età media è di soli 22 anni e questo è da sottolineare che ci rende orgogliosi, insieme al fatto che metà della rosa proviene dal nostro Settore Giovanile. Da domenica inizieremo a misurarci con le altre squadre in gare ufficiali, pensiamo di poterci divertire quest’anno nonostante diverse avversarie importanti per nomi e budget, poi i risultati saranno come sempre la conseguenza di tante componenti ma noi siamo fiduciosi».