Il LIGORNA chiude il campionato con una salvezza all’ultimo respiro. Fondamentale è stata la vittoria casalinga contro il Vado del 20 settembre 2015 grazie alla doppietta di Held inframezzato dal pareggio rossoblù di Siciliano.
Era la 4^ di campionato, nessuno poteva immaginarlo, ma quella sarà la partita garantirà la salvezza al LIGORNA.
La squadra del presidente DAVIDE TORRICE arriverà all’ultima di giornata di campionato a pari punti del VADO e grazie a quella vittoria condannerà i rossoblù al play out contro la FEZZANESE, anche perché il ritorno del Chittolina terminerà 2-2.
LIGORNA sempre in vantaggio e il VADO sempre in rimonta. I gol di Balla e Ghiglia saranno rimontati da quelli di Aurelio e Figone, era il 23 gennaio.

“Sono contento, molto contento”
così esordisce il presidentissimo del LIGORNA DAVIDE TORRICE che prosegue dicendo:
“E’ stato più difficile che vincere un campionato, le forze della nostra società erano sicuramente inferiori a quelle di altre squadre che mettevano sul piatto ben altri budget ed erano decisamente molto più attrezzate sotto diversi punti di vista.
Noi ci siamo allenati sempre alla sera, perché abbiamo puntato su un gruppo di giocatori che vivono con altre attività differenti dal calcio, non abbiamo MAI giocato a porte aperte e nel finale abbiamo pure assistito a situazioni strane che preferisco non commentare.
Formazioni che immancabilmente nelle ultime gare hanno iniziato con 20 minuti di ritardo e altrettanto immancabilmente mutavano a loro vantaggio il risultato nei minuti finali.
Altre squadre che facevano punti insperati contro le corazzate del girone, tutto decisamente sfortunato per noi, compreso il capitolo NOVESE, che dopo la partita giocata contro il LIGORNA, ha completamente smobilitato la squadra e ha schierato la formazione Juniores nelle successive 10 partite collezionando altrettante sconfitte e falsando decisamente il campionato. Torneo che si è dimostrato molto equilibrato verso il fondo della classifica dove anche il punto faceva un enorme differenza, questo ha pesato non poco.”

Pausa di riflessione e il presidente riprende così:
“La salvezza del LIGORNA la definirei un miracolo sportivo, ma poi ripenso a tutto e analizzando bene la situazione mi rendo conto che ai play out vanno due squadre che nel corso del campionato sono sempre o quasi sempre state sotto di noi. Alla fine credo sia giusto così.
Dal punto di vista morale è stato importantissimo per noi non andare mai sotto il quart’ultimo posto.
Ci siamo salvati perché abbiamo fatto un’ottima partenza che ci ha garantito subito un buon margine di vantaggio sulle altre squadre che, come noi, partivano per non retrocedere. Poi credo che anche il regolamento sia da rivedere perché trovo illogico che ci debbano essere 8 punti di differenza per non giocare il Play Out tra la quart’ultima e la quint’ultima, 8 punti mi sembrano davvero troppi.

TORRICE conclude la sua intervista facendo altre riflessioni per il futuro:

” Sicuramente rimango ancora, almeno per quest’anno, il presidente del LIGORNA e mi sto già organizzando per poter permettere al pubblico l’ingresso al campo. Quest’anno il loro apporto ci è mancato tantissimo.
Le pratiche dovrebbero essere a posto. I nostri progetti sono stati approvati dal CONI e dai Vigili del Fuoco. Queste erano le due condizioni fondamentali per ottenere l’OK dal comune, che adesso dovrà esprimersi per autorizzarci ad iniziare i lavori. Se non dovesse arrivare il via libera dovremo trovare una soluzione diversa perché non voglio passare un altro anno a giocare le partite casalinghe senza pubblico. La soluzione anche in questo caso non è facile perché la SCIORBA, che sarebbe la soluzione più comoda e indolore vista la vicinanza al nostro impianto, necessita di lavori di ristrutturazione per essere omologato per la Serie D. Il campo di Caperana potrebbe essere disponibile ed è omologato, ma mi sembra un po’ troppo distante. Pare che venga rifatto il campo di Recco per ospitare il BOGLIASCO che potrebbe cambiare denominazione, ma non saprei. Io spero che vada in porto il nostro progetto in modo tale da poter tornare al LIGORNA con il nostro caldo pubblico che verrà a sostenere la TERZA SQUADRA DI GENOVA”