“ Tutto come previsto : è toccato al Magra Azzurri fare la vittima sacrificale dopo i lamenti settimanali dell´Imperia a seguito della sconfitta subita a Rapallo.

Era nell´aria ed è successo … e quest’anno non è la prima volta …

In svantaggio dopo due minuti la squadra resiste all’avvio perentorio dei padroni di casa e prima della chiusura del primo tempo sfiora il pari per due volte.

Ad inizio ripresa dopo un’occasione fallita dall’Imperia Shqypi salta un paio di avversari e al limite dell’area passa palla a Conedera che arriva in corsa da dietro calcia di sinistro e segna : l’arbitro annulla su indicazione del segnalinee tra lo stupore generale … increduli gli stessi tifosi locali.

Passa un quarto d’ora e sugli sviluppi di un angolo la palla arriva nella nostra area con due attaccanti avversari completamente soli davanti al nostro portiere e presumibilmente in fuorigioco : goal convalidato e raddoppio per i padroni di casa.

Nessuno tra i tifosi dell’Imperia esulta, però qualcuno ride …..

Si arriva così al 92° sul risultato di parità e qui si decide la partita : punizione dalla linea laterale la palla arriva in area, un attaccante salta per colpire di testa, urla e cade senza colpirla forse contrastato da Gazzoli che viene anche ammonito e l’arbitro concede il rigore che fissa il risultato della partita sul 3 a 2 definitivo.

Due considerazioni: sicuramente ci saranno delle immagini che ci smentiranno ma è evidente come in due situazioni di dubbio analoghe a noi sia stato annullato il goal del pareggio e ai nostri avversari sia stato convalidato il goal del raddoppio e poi l’insolito “silenzio” dei tifosi dell’Imperia.

Per non parlare poi del calcio di rigore.

Quello che poi fa ancora di più alterare lo stato d´animo è la visita del commissario di campo nello spogliatoio dell´arbitro a fine gara : ma cosa va a fare, sta dentro oltre mezz’ora e tu devi attendere per avere i documenti e poter tornare a casa con il tuo bel travaso di bile.

E’ vero siamo una squadra giovane, una società che sta cercando con fatica di ricostruire una struttura, consapevoli dei nostri limiti e certamente non all’altezza delle corazzate del girone ma che in questi anni ha dato molto al calcio ligure dimostrando non solo sul campo un notevole spessore.

Essere in difficoltà non vuol dire che si possa tenere nei nostri confronti un atteggiamento per così dire “distratto” : credo che meritiamo la giusta considerazione e soprattutto abbiamo il diritto del rispetto delle regole.

Non rimane che fare i complimenti ai ragazzi e al mister Paolo Bertacchini : non era facile rimontare due reti in quelle condizioni ma ancora una volta è un episodio alquanto singolare a condannarci alla sconfitta”.

Giuseppe Musso
Asd Magra azzurri