Se glielo avessero detto prima dell’esordio, forse non ci avrebbe creduto nemmeno lui. Fatto sta che oggi, il suo Arenzano è non solo primo in classifica ma anche a punteggio pieno e con 0 gol subiti in queste prime tre gare. Ma Beppe Maisano è un allenatore troppo esperto e navigato per cullarsi su una classifica di ottobre.

«Siamo sorpresi e contenti, è ovvio – dice – ma adesso viene il bello. Le prossime due gare ci vedranno affrontare due avversari davvero ostici. Domenica abbiamo il Taggia che, per quello che ho visto, è da considerarsi una squadra da categoria superiore, a tutti gli effetti. Anzi, da primi sei o sette posti in Eccellenza. Poi ce la vedremo contro il Campomorone. E, a prescindere dalla categoria in cui lo vai ad affrontare, Marco Pirovano è sempre un avversario difficile da battere. Dovremo stare attenti e concentrati».