MARASSI Calcio – CIRCOLO CULTURALE RICREATIVO VILLA PIANTELLI

Leggendo quanto apparso lunedi su un quotiamo genovese, relativamente al progetto di trasformazione dello stadio Luigi Ferraris a cura delle società professionistiche genovesi, da cittadino e appassionato di calcio, mi sono sentito orgoglioso e ansioso di poter fruire di quanto ad oggi ho modo di vedere in tv o al massimo in alcune piazze importanti in Italia.
Uno stadio al quale siamo tutti legati come cittadini Genovesi, con il quale il quartiere dove peraltro abito convive da diversi decenni, potrà trasformarsi in una nuova struttura accogliente, moderna, ricca di servizi e comodità proprie degli stadi più importanti d’Europa.
Che dire…..Uno stato d’animo alle stelle come cittadino/utente al quale fa purtroppo da contraltare un sentimento di delusione, dispiacere e dolore: l’Associazione che ho l’onore di rappresentare in qualità di Presidente, il MARASSI Calcio e l’annesso Circolo Culturale Ricreativo Villa Piantelli, ha sede nella storica omonima Villa, immobile definito “centrale” per il progetto di ristrutturazione presentato.
Ironia della sorte: una storica società di Calcio dilettantistica, il Marassi, che per far fronte alle numerose spese di gestione di un’Associazione e non disponendo di un proprio impianto sportivo ha saputo coniugare lo sport alle numerose attività Culturali e Ricreative in essere nella sua sede (altro che sottoutilizzata!!!!), perderà “anche” questa opportunità in ragione di interessi calcistici diversi e senz’altro di “pubblica utilità”.
Prima del passaggio di gestione dello stadio dal Comune alla società Luigi Ferraris srl (facente capo alle società Genoa e Sampdoria), per tramite di alcuni consiglieri comunali vicini alla nostra associazione, avevamo appreso la notizia che nelle trattative sarebbe rientrata anche la Villa che abbiamo l’onore di gestire da diversi anni attraverso l’utilizzo dei “piani nobili”, mentre altri locali sono in gestione ad altre associazioni.


Avevamo pertanto chiesto di poter parlare con l’amministrazione cittadina e in diverse occasioni con il supporto del nostro Municipio, abbiamo avuto modo di discutere dell’ipotesi e degli scenari futuri. Non è quindi una notizia che ci coglie completamente impreparati, ma è anche vero che apprendere dagli organi di stampa che l’ipotesi paventata si sta ormai materializzando non è stato il massimo della “comunicazione”.
Tra Circolo Culturale e Calcio la nostra associazione conta su più di 350 iscritti che, con i familiari e gli avventori delle numerose manifestazioni organizzate all’interno della Villa, raggiungono il migliaio di frequentatori. Squadre di Calcio, Scuole di ballo, Cori, Gruppi storici ed i “nostri” pensionati, pur rispecchiando lo stato d’animo da cittadini felici con innegabile senso civico nel veder migliorare un impianto pubblico cittadino, hanno avuto la stessa reazione del sottoscritto: quando accadrà, cosa ne sarà della nostra Associazione?


Se è vero che l’articolo comparso recitava che bisognerà chiarire scenari futuri con le associazioni presenti in Villa Centurione Musso Piantelli, attendiamo con ansia di poterlo fare con l’amministrazione pubblica, perché qualunque tipo di programmazione delle attività e del proseguo della florida vita associativa nella “villa degli spiriti” merita la considerazione di tutti, società sportive professionistiche comprese oltre che il Comune.
Quando negli anni ’80 l’allora Presidente del Marassi prese in gestione Villa Piantelli, completamente abbandonata e piena di detriti rivenienti proprio dallo Stadio che arrivavano al piano strada di C.so De Stefanis, il Marassi entrò nella storia dell’edificio ripristinandone l’utilizzo che ha continuato a curare nel corso degli anni senza l’aiuto di nessuno, così come si fa con la propria abitazione.
Nel momento in cui accadrà che si dovranno lasciare i locali della “nostra” Villa, certi che con progetti e disponibilità economiche possa tornare agli antichi splendori, sarà opportuno non dimenticarsi di chi, come il Marassi e le sue risorse umane ed economiche, ha saputo creare intorno alla propria associazione un punto di riferimento per il quartiere e non solo, un luogo di aggregazione in un momento storico dove la socializzazione e lo “stare insieme” sembrano così lontani.
Non dimenticate il MARASSI Calcio ed il suo Circolo Culturale Villa Piantelli, così come non bisogna mai dimenticare tutte le ASSOCIAZIONI sportive e non che svolgono quotidianamente sul territorio un servizio sociale che non ha eguali, con dispendio di energie umane ed economiche.
Ho parlato di senso civico in precedenza e, personalmente, in qualità di Presidente di una associazione senza fini di lucro e con l’obiettivo di promuovere sport e attività culturali e ricreative, credo di averne senza se e senza ma. Coltivo anche la speranza che certe notizie, così come alcuni lavori di miglioria che incontro percorrendo le strade della mia città, siano semplicemente frutto di programmazione strutturata e non di prossime scadenze elettorali che sminuirebbero l’importanza e le finalità del fare per il “bene comune”……………..
Attendiamo fiduciosi di poter definire e non semplicemente subire il futuro della nostra associazione.


MARASSI Calcio e Circolo Ricreativo Culturale Villa Piantelli
Il Presidente
Fulvio Trabace