MARCO CORRADO torna in panchina: PEGAZZANO la sua destinazione

MARCO CORRADO torna ad allenare. Dopo il divorzio estivo dal VALDIVARA il mister spezzino era stato avvicinato da diversi dirigenti di panchine importanti, ma le trattative non andarono mai a buon fine.

Inizia il campionato e MARCO CORRADO segue da spettatore le vicende del calcio dilettantistico Ligure e Toscano. Come hai vissuto quel periodo:
Male come stato d’animo, Bene dal punto di vista professionale. Mi sono aggiornato tanto, seguendo allenamenti di Dilettanti, Professionisti, Settori giovanili e seguendo corsi di aggiornamento molto interessanti. Sicuramente non mi sono annoiato, ma mancava l’adrenalina della partita, della competizione, che ha un sapore particolare.

Le richieste iniziano ad arrivare, ma tu continui a rimanere libero:
Da ottobre ad oggi ho avuto alcune richieste in Eccellenza da fuori regione, due dalla Promozione ligure, 4 dalla prima categoria e un paio di seconda, le ho prese in considerazione e sarei anche rientrato prima nella mischia, ma per un motivo o per l’altro non era mai il momento giusto. Ora è arrivata quella del PEGAZZANO nel momento giusto, ed io ero al posto giusto

Pegazzano una squadra di prima categoria che aveva fatto bene nelle 12 partite iniziali dove era al 3° posto con 3 sole lunghezze di distacco dalla capolista, poi il tracollo 2 pareggi e 6 sconfitte di queste le ultime 5 consecutive. ora siete al 6° posto a meno 18 dalla capolista. Cosa è successo?
Nel calcio la testa fa fare cose incredibili nel bene e nel male. I giocatori dovranno essere bravi a reagire a questo momento no e tutto si sistemerà per il meglio. Mister OLMI, che dopo le dimissioni rimarrà comunque in società, ha fatto benissimo portando questi ragazzi dalla seconda categoria alla prima arrivando a un passo dalla vetta della classifica di 1^ D.
L’appagamento dei ragazzi fa parte del gioco ora con il cambio dobbiamo essere tutti bravi a voltare pagina ed ad avere la giusta reazione, ricordando con soddisfazione i risultati raggiunti nel passato, sapendo che nel calcio esiste solo la partita che si giocherà la domenica successiva.

Vinicio Olmi si dimette e vieni chiamato tu. La posizione del PEGAZZANO è di centro classifica con i play off molto distanti (9 punti) rispetto alla quota play out (7 Punti) Cosa ti chiede la società?
I dirigenti del Pegazzano mi hanno chiesto di dare una scossa all’ambiente in questo momento delicatissimo che sta vivendo la squadra. Qui ritrovo diversi giocatori che già in passato ho avuto il piacere di allenare. Ora è fondamentale fare punti, ritrovare serenità e determinazione i valori ci sono e poi alla 30^ giornata guarderemo la classifica e faremo un bilancio finale.”

Esperienza rischiosa, ti rimetti in gioco a 360°
No non la vivo come una esperienza che mi rimette in gioco, anche perchè non mi sono mai sentito fuori dal gioco. Avevo voglia di rimettermi a lavorare sul campo per togliere la ruggine accumulata in questi mesi di inattività agonistica. Non è fondamentale la categoria e infatti riparto dalla prima dove ritrovo degli amici.
Come sempre darò il massimo come un mister deve sempre fare qualunque sia la categoria in cui allena.