Dopo la straripante vittoria di sabato scorso sull’Ossi San Bartolomeo, in casa CDM Genova ci si appresta a vivere un’altra settimana di allenamenti complice la seconda sosta del campionato, che sabato prossimo si fermerà di nuovo. Ne abbiamo approfittato per scambiare quattro chiacchiere con Michele Lombardo, allenatore della formazione genovese.

Petrarca, Mantova e Villorba in vetta alla classifica: sorpreso da questo terzetto? «Credo che il Villorba possa essere considerato a buon diritto la vera sorpresa del campionato – commenta Lombardo – Sono tanti anni che giocano insieme e hanno davvero delle buone individualità ma stanno facendo qualcosa che va ben al di là delle attese».

Poi c’è un gruppone, in cui naviga anche la CDM, con Città di Asti e L84. «Vero ma molto dipenderà da noi e dal risultato che riusciremo a fare alla ripresa del campionato, nella gara in casa dell’L84. Sono fermamente convinto che a Volpiano potremo fare un’altra grande gara».

Qual è la squadra che l’ha impressionata di più finora? «Sembrerà strano – prosegue Lombardo – ma la squadra che mi ha fatto più impressione fino a questo punto è il Chiuppano. Anzi, non mi capacito proprio della loro posizione in classifica. Hanno tutto per fare bene».

Invece, quale l’ha sorpresa in negativo? «Anche questo a qualcuno potrebbe sembrare strano ma dico Petrarca. Stanno facendo il campionato di vertice che tutti si aspettavano ma, vista la solidità societaria e i valori tecnico-tattici della squadra, mi aspettavo molto di più. Non dico che pensavo che ammazzassero il campionato, però anche quando li abbiamo incontrati qualche settimana fa, non mi hanno impressionato».

Veniamo ora alla CDM: non si può dire che siate quel che si dice una “macchina da gol” ma, per contro, siete la terza miglior difesa del campionato. «Nel mio modo d’interpretare il calcio a 5 – spiega Lombardo – le gare si vincono prima di tutto in difesa. Prima bisogna pensare a non prendere gol, anche perché prima o poi nel futsal ti capita l’occasione per insidiare la porta avversaria. Ho anche cambiato un po’ il mio modo di giocare: prima andavamo sempre in pressione, adesso siamo più quadrati e accorti».

In attesa di tornare in campo con la trasferta sul campo dell’L84, comunque, la CDM affronterà giovedì al Paladiamante una gara amichevole contro la Lavagnese, formazione che milita nel campionato di serie C.

«Proverò sicuramente la squadra in vista della partita contro l’L84 – anticipa mister Lombardo – ma poi sarà soprattutto l’occasione per mettere minutaggio nelle gambe di Leandrinho, reduce da un infortunio che lo ha tenuto fermo per diverse settimane e ha bisogno di recuperare al meglio la condizione fisica».