Prosegue senza soste, sotto il tiepido sole di Marrakesh in Marocco, il Campionato Mondiale di Footgolf. Il nostro Roberto Puliga, dopo la seconda giornata di gare disputata sul campo Al Maaden 1, ha ulteriormente migliorato la propria classifica, recuperando la bellezza di 20 posizioni e piazzandosi al momento al 74° posto, con un più che lusinghiero +3. Il footgolfista genovese, dopo la prima giornata chiusa sul +2, ha quindi saputo fare di meglio nella giornata di ieri e in classifica generale ha raccolto i frutti di questo cambio di marcia.

Un traguardo molto importante perché, dopo il round di ieri, è arrivato il primo verdetto definitivo che ha di fatto “tagliato” i partecipanti alla competizione individuale, lasciando in gara solo i primi 220 della classifica, che nella giornata di domani, giovedì, torneranno fra le buche a contendersi il titolo mondiale. Al momento, a comandare è salito il britannico Jamie Cullum, con uno stratosferico -13 sul Par. Secondo gradino del podio iridato superaffollato, con i due francesi Alexandre Richer e Nicolas Pussini ma anche il nostro Jury Piovesan, tutti appaiati a -10.

Oggi intanto prenderà il via la competizione a squadre. La formula del torneo prevede che per ogni nazione vengano sommati fra loro i punteggi dei 4 atleti migliori nella classifica dell’individuale e, con questi, venga stilata una classifica per nazioni. Anche qui, al comando troviamo la Gran Bretagna con -34, seguita dalla Francia con -29, dall’Argentina con -21 e dall’Olanda con -15. Al quinto posto, l’Italia con -13, davanti anche alla forte formazione statunitense che, per adesso, si è dovuta accontentare del sesto posto a -11. A seguire tutte le altre nazioni, fino al 16° posto dell’Australia, con +33.

Per comporre il tabellone del Team Final Draw, quindi, la prima è stata abbinata alla sedicesima, la seconda alla quindicesima e così via, con l’Italia che dovrà affrontare la Spagna, accreditata al momento del 12° posto con +23. Il nostro Roberto Puliga è in lista come riserva del duo Battaglia-Giuffré per il Foursome 2 quindi, a meno di sorprese, non dovrebbe scendere in campo. Noi però (per scaramanzia…) glielo diciamo lo stesso: In bocca al cammello, Roberto!