Il suo divorzio dal Borzoli ha lasciato tutti di stucco ma Roberto Varlani non ne fa un dramma e guarda al futuro, con un pizzico di nostalgia per quei colori gialloblù che, da stasera, non faranno più parte della sua quotidianità. «Sette anni al Borzoli e mi sembra ieri che iniziava la mia avventura in gialloblù – spiega Varlani – Voglio ringraziare il Presidente Cinzia Bardelli che ha creduto in me e mi ha dato questa possibilità e soprattutto mi ha permesso, ottima intuizione, di allenare e diventare un dirigente completo… Oggi le nostre strade si separano ed è forse giusto così ma non possono cancellare anni importanti che ci vedranno, si “CI VEDRANNO” perché io porterò sempre dentro il mio cuore questi colori, per il 5° anno consecutivo giocare in Promozione. Sono serenamente triste perché mi immaginavo ancora per molti anni in questa società ma cosciente di lasciare in eredità qualcosa di mio e di questo sono felice». «Voglio ringraziare tutti i dirigenti, allenatori e giocatori – prosegue Varlani – che in questi anni hanno a vario titolo collaborato con me e in modo particolare il dirigente Mario Rovatti. Mi chiedono in molti in queste ore cosa farò da domani ma sinceramente non lo so perché non ho ancora realizzato che non calcherò più il manto erboso del Piccardo».