Al termine della gara ALBENGA CAMPOMORONE
Abbiamo sentito MARCO PIROVANO, nel dopo gara.

“Una partita che poteva essere proibitiva e che sembrava si mettesse subito sui binari sbagliati. Siamo Stati bravi a non capitolare dopo aver preso gol nei primissimi secondi di gioco credo fossero 28 a seguito di un nostro svarione. Potevamo uscire dalla partita visto la potenzialità dei padroni di casa invece la squadra non si è disunita ha saputo approfittare di un errore dell’Albenga che faceva pari con il nostro è abbiamo raggiunto il pareggio. Poi abbiamo contenuto siamo e stati bravi a soffrire nei momenti critici, ma non abbiamo mai smesso di provare a ripartire e proprio grazie a una ripartenza ci siamo portati in vantaggio. Loro hanno avuto diverse occasioni per pareggiare, ma le hanno sciupate. Ai punti avrebbero anche meritato, ma nel calcio si può anche vincere avendo meno occasioni da rete, ma concretizzando quelle che capitano. Vorrei ricordare che comunque abbiamo avuto anche la palla del 3-2. In una occasione siamo stati fermati dall’arbitro che ha interpretato come un fallo lo scivolone del loro difensore che aveva messo il nostro attaccante solo davanti al portiere e in un’altra azione potevamo realizzare il gol del nuovo vantaggio, ma non siamo stati bravi a capitalizzare l’occasione avuta.
Questo vuol dire che non abbiamo avuto timori reverenziali e abbiamo provato a replicare in maniera attiva.
Chiudo dicendo che l’ALBENGA è un’ottima squadra e a mio giudizio arriverà sicuramente tra le prime tre.
Secondo me è una delle favorite per la vittoria finale assieme a Sestri Levante e Imperia.
Questo campionato di Eccellenza è uno dei più livellati verso l’alto degli ultimi anni. Non ci sono squadre già retrocesse a settembre e lo dimostrano la vittoria del Molassana contro il Baiardo e il nostro pareggio contro l’ALBENGA formazione fortissima che deve ancora trovare l’amalgama avendo diversi giocatori che sono appena arrivato e che de devono ancora inserirsi nelle idee di gioco del mister. Molti di loro sono arrivati a preparazione finita.
Averla incontrata oggi per noi è sicuramente stato meglio perché tra qualche settimana sarebbe stat ancora più dura “