Scossone in Vallescrivia: Stefano Firpo non è più l’allenatore della prima squadra. Dopo 8 giornate di campionato e con la squadra valligiana attestata a 5 punti in classifica, il tecnico ha rassegnato le proprie dimissioni. Fatale la terza sconfitta stagionale subita domenica scorsa fra le mura amiche nel derby fra neo promosse contro la San Stevese.

«Fondamentale è il progetto che sta alla base di tutto – commenta il diesse Gian Paolo Feletti – Firpo ha dato le proprie dimissioni da allenatore della prima squadra ma lui è all’interno del Vallescrivia 2018 perché faceva parte del progetto nato dal sodalizio fra Isolese, Ronchese e Vallescrivia 2008, nato per creare una società grossa, che potesse anche avanzare ambizioni dando spazio ai giovani della nostra valle. Firpo ha fatto tanto per questo ma il progetto generale non è finalizzato ai risultati della prima squadra, ma a unire le anime delle tre società e cercare di sfociare al risultato finale che è e sarà sempre la valorizzazione delle risorse, risorse come lo sono anche Firpo e tutto il suo staff».

Al momento, la società sta vagliando le possibili alternative e, domenica prossima, in panchina dovrebbe sedere un tecnico già nei quadri Vallescrivia, per traghettare la squadra fino al momento in cui la dirigenza deciderà il da farsi. «Non c’è ancora un nome – spiega ancora Feletti – Sicuramente ci sarà per adesso una soluzione interna che andrà a condurre la squadra in questa settimana di allenamenti e domenica in una sfida importantissima. Si valuteranno con calma le cose. Questo perché la nostra società ha un progetto e quindi deve fare le cose con calma e riflettendo, per far sì che questo progetto venga anzi rafforzato e non indebolito da queste dimissioni. Ringrazio pubblicamente mister Firpo e mi auguro e voglio che resti nel Vallescrivia, che continui a farne parte perché lui è un’anima del Vallescrivia. E’ comprensibile che ci sia un momento di riflessione da parte sua ma deve essere un momento di riflessione per tutti noi, quindi nessuna scelta affrettata perché il nome del nuovo allenatore dovrà essere condiviso. Ad oggi, non abbiamo contattato ancora nessuno ma stiamo valutando».