Un recupero dal sapore di bigmatch quello che andrà in scena stasera fra San Bernardino e Bogliasco (e che, come al solito, potrete seguire a partire dalle 20 con la nostra diretta). Divise appena da 3 soli punti, le due squadre puntano entrambe ad accaparrarsi l’intera posta per provare ad approfittare di questo recupero per migliorare ulteriormente la loro classifica e, specialmente il Bogliasco, riavvicinarsi alla capolista Sampierdarenese. Alla fine, vincerà chi avrà maggiori motivazioni? 

«Difficile da dire – commenta il tecnico biancorosso Guido Poggi – Le motivazioni dobbiamo cercarle e metterle in campo sempre. La Sampierdarenese sta marciando fortissimo, anche se il campionato è ancora lungo e ci sono tante squadre che ambiscono a recitare un ruolo da protagoniste. Oggi vedo 8/10 squadre che hanno qualità e aspettative per vincere campionato. Chiaro che ogni partita vale sempre tre punti ma quella di stasera è una gara importante. Loro sono forse la squadra rivelazione di questo girone però, conoscendo la società, conoscendo i ragazzi e conoscendo chi li allena, io non sono poi così sorpreso: Valmati era con me lo scorso anno, lo stesso Fioretti è un ex Baiardo… hanno grande passione e non mi sorprende trovarli lì. Ti dirò di più: sto ancora pensando a quella che sarà la formazione da mandare in campo questa sera. Ancora non ho deciso quale sarà perché ci sono tante cose a cui pensare: c’è stata la partita di domenica scorsa, c’è in vista quella di domenica prossima, c’è da capire chi far riposare… e poi c’è un avversario da prendere con le pinze».

Guido Poggi però ci ha svelato un nuovo metodo per decidere la formazione da mandare in campo. «Stamani sono impegnato nella raccolta delle olive. Nei giorni scorsi – ci racconta sorridendo – ho promesso ai miei giocatori che chi fosse venuto qui a darmi una mano, stasera avrebbe giocato titolare. Ma non si è ancora visto nessuno. Hanno tempo ancora fino alle 17…». Insomma, la formazione per stasera la si fa anche al frantoio!

Scherzi a parte, il match di stasera potrebbe dipanare ma anche ingarbugliare ancora di più una classifica che vede già qualcosa come 10 squadre raccolte in appena 6 punti, con la Sampierdarenese a fare da lepre e un gruppone di inseguitrici. «Se la Sampierdarenese continua a tenere questo passo, rischia davvero di fare il vuoto alle proprie spalle perché sta facendo un campionato assolutamente strepitoso. Noi abbiamo perso contro di loro al termine di una partita nella quale forse avremmo anche potuto pareggiare ma è stata una sconfitta che ci poteva stare, per com’era andata la partita. Loro sono i favoriti, indubbiamente, sia per la classifica che per quello che stanno dimostrando. Hanno battuto anche la Caperanese, che era un po’ l’altra squadra accreditata come la concorrente principale insieme a noi, quindi vuol dire che non sono assolutamente lassù per caso».