Con la diffusione dell’allerta gialla, tornano di stringente attualità le norme di comportamento da tenere per quello che riguarda l’attività calcistica, con la chiusura di alcuni impianti e il possibile rinvio di alcune gare in programma. 

Meno di un’ora fa l’Arpal ha diffuso il bollettino di allerta gialla su tutta la regione Liguria, a partire dalle ore 6.00 della mattina di domani sabato 27 ottobre e fino alle ore 24. La tendenza però non sembra promettere nulla di buono ed i tecnici di Arpal aspettano di capire meglio l’evolversi della situazione per decidere se (eventualmente) innalzare il livello di allerta ad arancione o, addirittura, a rosso.

Vediamo quindi di rinfrescarci la memoria su cosa prevede il protocollo emanato dalla Federazione per i casi di allerta metereologica, cominciando col dire che con l’allerta gialla SI GIOCA REGOLARMENTE!

In caso di allerta ARANCIONE:

  • Sono da considerarsi rinviate d’ufficio le gare dell’attività di base che devono essere disputate in zone interessate dal livello di allerta “Arancione”;
  • Sono da intendersi, altresì, rinviate d’ufficio le gare dell’attività agonistica di S.G.S. e le gare dei campionati regionali, provinciali e distrettuali di L.N.D. che sono programmate sugli impianti dei Comuni di seguito elencati, per i quali viene normalmente disposta la chiusura degli stessi in caso di allerta “Arancione”:
    – Ventimiglia (IM);
    – Dolceacqua (IM);
    – Camporosso (IM);
    – Sanremo (IM);
    – Taggia (IM);
    – Vado Ligure (SV);
    – Savona;
    – Albissola Marina (SV);
    – Serra Riccò (GE);
    – Santa Margherita Ligure (GE);
    – Rapallo (GE);
    – Lavagna (GE);
    – Sestri Levante (GE);
    – Follo e Piana di Battolla (SP);
    – Ceparana (SP);
    – Santo Stefano di Magra (SP);
    – Vezzano Ligure (SP);
    – Ponzano Magra (SP).

Si aggiungano, inoltre, i seguenti impianti:
– Campo Sportivo “Torbella” di Genova;
– Palazzetto dello Sport sito in Via Per Maxena di Chiavari (GE).

In caso poi di allerta ROSSA:

  • Sono da considerarsi rinviate d’ufficio le gare che devono essere disputate in zone interessate dal livello di allerta “Rosso”;
  • Sono da considerarsi, altresì, rinviate d’ufficio le gare che, pur non disputandosi in zone interessate dal livello di allerta “Rosso”, vedono impegnate squadre provenienti da zone per le quali tale avviso risulta emesso o che devono transitare in zone per le quali tale avviso risulta emesso.