Una terza giornata di ritorno che promette scintille quella che sta per andare in scena nel girone E della Serie D. Con il Ponsacco e la Sanremese a caccia di un risultato che permetta loro di rialzare l’asticella e voltare così pagina dopo un ultimo periodo non proprio esaltante, il match clou della giornata non può che essere quello che vedrà di fronte il Real Forte Querceta, possibile terza incomoda nella corsa alla Lega Pro, e la Lavagnese. I lucchesi, dopo aver messo in bacheca lo scalpo dell’ancora imbattuto Ponsacco, puntano decisamente ad allungare la striscia positiva che, fino ad oggi, parla di 11 risultati utili di fila, con 29 punti conquistati sui 33 disponibili. I chiavaresi invece sembrano aver superato il momento no che ne aveva caratterizzato il cammino tra la fine di novembre e gli inizi di dicembre e da allora hanno messo in cascina 10 punti nelle ultime 4 giornate di campionato. Una sfida che assegnerà comunque di sicuro punti preziosi e che, all’andata, fu decisa solo nel finale da una rete di Basso. Di questa specie di scontro diretto proveranno ad approfittare Ponsacco e Sanremese. I pisani se la vedranno con una Rignanese in netta crescita. I biancoverdi hanno perso solo due gare nelle ultime 8, anche se la classifica sembrerebbe non lasciare spazio alle interpretazioni. Ancor più chiuso, almeno sulla carta, il pronostico per Scandicci-Sanremese, con i liguri che puntano a fare un sol boccone dei fiorentini, reduci da una striscia negativa che parla di un sol punto conquistato nelle ultime 9 giornate. Altro match da non perdere quello fra Albissola e Ligorna con il ritorno di Luca Monteforte al “Faraggiana”, dove appena lo scorso anno volava verso la conquista della Serie D sulla panchina biancoceleste. Oggi, il celeste si è tramutato in blu e la panchina è quella del Ligorna ma l’ex tecnico della Sestrese non ha perso il suo tocco “miracoloso” e, anche quest’anno, sta facendo cose egregie, portando la società del presidente Torrice ad una salvezza ben più che tranquilla. Altro derby ligure, ma di tutt’altro tenore, quello fra Argentina e Finale. Qui i punti in palio varranno davvero doppio, con il Finale che, dopo il rinfrancante 5-1 di sette giorni fa ai danni del Montecatini, proverà a trovare un briciolo di continuità imponendo il sesto stop di fila ad un’Argentina sempre più vicina al punto di non ritorno. A completare la giornata anche una sfida che, fino a qualche anno fa, sarebbe valsa ben altre categorie, fra due nobili ormai un po’ decadute come Massese e Savona. I bianconeri toscani puntano a riavvicinarsi alle posizioni di rincalzo, appena dietro alle primissime, mentre il Savona deve provare a mettere insieme i punti per uscire dal grigiore della medio-bassa classifica. Un’altra sfida nella quale si distribuiranno punti utili a capire di che pasta si è fatti sarà anche quella che vedrà in campo Sestri Levante e Ghivizzano. I corsari liguri, che soffrono tremendamente di nostalgia quando sono lontano dalla loro amata Baia del Silenzio, in casa sono l’unica squadra (insieme al Viareggio) a non aver mai conosciuto sconfitta e, in più, nelle ultime 5 di campionato, sono una delle squadre ad aver fatto meglio, secondi solo al Real Querceta e a pari merito con la Lavagnese. Per contro, il Ghivi è vorrà provare a scrollarsi di dosso la “pareggite” che sembra aver contagiato la squadra nelle ultime giornate ma domenica non sarà facile far punti nella tana dei “corsari”. Completano la giornata le sfide ViareggioSan Donato e Valdinievole-Seravezza.