Eh si cari ragazzi del mondo dilettante, siamo giunti ai titoli di coda.
Purtroppo lo scimmiottare il mondo dei professionisti sta stravolgendo il fine ultimo del calcio dilettante, che è quello di fare del sociale. Di far divertire e far sentire importante tutti i componenti di questo circo.
C’è un però, qui ci si sta iniziando a prendere troppo sul serio.
Opinioni che non possono essere espresse. E quando escono la minaccia è sempre la stessa: “il prossimo anno non Vi aiuteremo più a fare vedere il nostro mondo”.

Questa è l’affermazione che più mi fa sorridere. Perche per chi non lo sapesse, DILETTANTISSIMO è autonomo.

Non riceve e non ha mai ricevuto aiuti istituzionali e si mantiene, per la maggior parte del budget, con sponsor istituzionali Privati.DILETTANTISSIMO non fa lucro, ma del sociale. Il fine è quello di dare visibilità a questo mondo, in modo di poter interessare ipotetici sponsor. E di far crescere ragazzi che nel futuro possano abbracciare la professione di giornalista tra i professionisti. In quest’ultima mi ritrovo un po’ vicino agli arbitri, che partono dalla terza categoria per arrivare tra i pro.

In questi giorni abbiamo ricevuto pressioni per non scrivere indiscrezioni di mercato, pena ritorsioni nel farci arrivare sponsor. Minacce di denuncia nel caso continuassimo a scrivere indiscrezioni. Rivelatesi poi veritiere. Telefonate che ci rimproveravano di non aver contattato l’ufficio stampa per dichiarazioni rilasciate da un proprio tesserato, che ELOGIAVA LA SOCIETÀ IN CUI GIOCAVA. Purtroppo è un ambiente che è diventato così. Il fatto che si debba chiedere all’ufficio stampa quando hai un’intervista fatta con la fonte diretta o non scrivere una indiscrezione certa non è più giornalismo, ma molti si stanno abituando così, anche nella politica.

Questo mi sta facendo disinnamorare di questo ambiente. E mi fa pensare che dobbiamo abbassare tutti l’asticella del professionismo.
A tale proposito vorrei ricordare che, proprio grazie a questo sistema la gente normale si sta allontanando dalle società professionistiche, che sono sempre più lontane da chi li segue a causa di informazioni scontate e banali.
Come dico sempre bisogna mettere il carro dove vuole chi comanda. Ma se è in un posto che a me non piace mi tiro fuori visto che questa per me è una passione SENZA FINE DI LUCRO.
Nei professionisti era bello quando la tv privata andava davanti ai cancelli per intervistare i giocatori che qualche volta facevano trapelare il reale umore della squadra.
Ora è tutto scontato. Interviste rilasciate come dei libri stampati pene multe salate.
Nei dilettanti non girano gli stessi interessi e gli stessi soldi e trovo che tutto ciò sia esagerato.

Questo è un mio pensiero che sicuramente mi porterà problemi, ma detesto essere imbavagliato.

DILETTANTISSIMO finché ne avrà le forze rimarrà attivo e indipendente esprimendo i propri pensieri con onestà intellettuale. quando non avrà più le risorse economiche si chiuderà un’altro pezzo di storia dei dilettanti. Concludo dicendo che
Si sta globalizzando un mondo che NON VA GLOBALIZZATO

Claudio Bianchi

 

Torna alla HOME di DIlettantissimo

DILETTANTISSIMO ESTATE”: OGNI VENERDÌ ALLE 18:30 IN DIRETTA SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK UFFICIALE!

E allora seguici sui social! Troverai infatti tante notizie anche sui nostri portali! Siamo su Instagram (@dilettantissimo_official), Facebook (Dilettantissimo) Twitter (@Dilettantissimo), oltre al canale Youtube (Dilettantissimo) dove potrai trovare tutte le puntate di Dilettantissimo, gli highlights, le interviste e tutti i nostri contenuti multimediali!