Il 1º aprile, avrebbe dovuto essere il giorno del  bonus dei  600 euro che molti italiani avrebbero potuto richiedere accedendo al sito dell’INPS. Ma in moltissimi non sono riusciti ad inoltrare la richiesta per l’impossibilità di accedere al sito.

Quasi certamente la situazione di down è stata aggravata da una informativa. Il sito avrebbe registrato l’ordine d’arrivo delle richieste; elemento che ha fatto supporre che i fondi non sarebbero bastati per tutti gli autonomi aventi diritto, e che l’ordine d’arrivo sarebbe stato fondamentale. Per questo motivo già un’ora prima della mezzanotte, il sito INPS era già in down.

Questa interpretazione è stata smentita. Ma ormai innumerevoli persone avevano inviato le domande inerenti per la richiesta del bonus, e inevitabilmente il sistema è andato in crash.

È evidente che per evitare altri disservizi sarà NECESSARIO specificare cosa significasse l’informativa comparsa sul sito INPS qualche giorno addietro: infatti si indicava la cifra di 203.400.000 come monte spesa. Questa specifica sembrava potesse accontentare un numero limitato degli aventi diritto, e di conseguenza, c’è stata la corsa a presentare la domanda sin dalle ore 00:00 del 1º di aprile.

 

Seguici sui social! Troverai tanti sondaggi anche sui nostri portali! Siamo su Instagram (@dilettantissimo_official), Facebook (Dilettantissimo) Twitter (@Dilettantissimo), oltre al canale Youtube (Dilettantissimo) dove potrai trovare le puntate di Dilettantissimo, Dilettantissimo EXTRA, Serie B, gli highlights, le interviste e tutti i nostri contenuti multimediali!

Iscriviti al nuovo canale Telegram di Dilettantissimo (@DilettantissimoTV)!

 

CLICCA QUI per tornare alla HOME