Dopo i fattacci accaduti nel match con il Vecchio Castagna, con la gazzarra scoppiata a fine partita, la presidentessa del Val Lerone, Rita Valle, aveva minacciato di lasciare la società da lei creata per un nobile scopo. E anche il mister Granone aveva rassegnato le dimissioni, ma da stasera l’allenatore è rientrato sui suoi passi e ci spiega: <Le dimissioni erano state accettate da parte della presidentessa con la riserva di confrontarsi con la squadra per capire se quella era una soluzione. Martedì sera c’è stato un incontro tra la società e i ragazzi al quale non ho voluto partecipare per lasciare libertà di parola e pensiero a tutti. Da tale incontro è emersa la volontà di tutta la squadra di proseguire con me, perchè mi ritengono parte del gruppo e del progetto e non responsabile dell’accaduto. Successivamente ho ricevuto tale comunicazione da parte della presidentessa alla quale sono seguite le scuse ed i chiarimenti da parte degli interessati. La rissa è scoppiata a seguito di provocazioni verbali da parte degli avversari…che a mio avviso sono cose di assoluta normalità nei 90 minuti, sopratutto quando ti avvicini alla fine e la lucidità cala. Ma non ho apprezzato la reazione fisica da parte dei miei giocatori. Ovviamente, una volta iniziata la bagarre, nessuna delle due compagini si è tirata indietro. Da venerdì torno alla guida della squadra ritenendo che il gruppo abbia la consapevolezza che tali situazioni non si devono ripetere>.

Di Andrea Bazzurro