VALDIVARA: telenovela infinita: PLOTEGHER fa chiarezza sulla nuova notifica della Procura Federale

Nuova puntata della telenovela infinita del VALDIVARA.
La procura federale di Roma, la quale indaga sulla nota vicenda che riguarda il tesseramento dei tre giocatori nigeriani da parte del Valdivara, ha notificato l’avviso di conclusione indagini alle parti.
Non ci è chiaro il contenuto effettivo di tale notifica, ma la richiesta della procura federale prevede gravi sanzioni disciplinari con lunghi periodi di squalifica e inibizioni per le persone indagate: Giocatori e presidente,  molti punti di penalizzazione e ammenda per la società del Valdivara.

Se così fosse, in base alle sanzioni richieste, il Valdivara ha due strade da percorrere:

1. Il patteggiamento, che ridurrebbe di fatto le sanzioni proposte dalla procura federale
2. la persistenza da parte del Valdivara nel ritenersi estraneo alla vicenda e la prosecuzione con rito ordinario con il rischio, in caso di condanna, di vedere confermate le richieste della procura federale, ma con la possibilità di uscire indenne dalla vicenda nel caso in cui il tribunale federale competente decidesse per il proscioglimento.

In merito a questo abbiamo sentito il presidente del VALDIVARA GIOVANNI PLOTEGHER che dice:
“E’ vero ci è arrivata la notifica dalla Procura Federale, ovviamente si parla del tesseramento dei tre ragazzi nigeriani, i quali dovevano conoscere il regolamento del Torneo di Viareggio e non potevano parteciparVi senza essere tesserati. Per il resto tutte le contestazioni che ci sono state mosse sono superate dalla sentenza della Corte fedederale di Appello dell’ufficio tesseramenti che ha riconosciuto valido il documento che riteneva corretto il primo tesseramento dei tre giocatori coinvolti, i quali avevano partecipato al Torneo di Viareggio senza essere tesserati per alcuna federazione e quindi potevano essere tesserati come abbiamo fatto.”

Al presidente chiediamo se la validità del tesseramento dei tre ragazzi è da ritenersi ufficiale dal momento in cui è arrivata la certificazione dalla federazione nigeriana (Fine marzo ) o se è da ritenersi corretto dal momento in cui l’ufficio tesseramenti ha dato l’ok (ossia meta novembre circa)
“Non c’è dubbio che la validità è da ritenersi effettiva dal momento in cui ci è stato dato il via libera dall’ufficio tesseramenti ossia più o meno intorno alla metà di novembre per due giocatori, e dalla metà di dicembre per il terzo ragazzo. Le date sono indicative il periodo però, giorno più giorno meno, è quello.”

Cosa succederà ora?
“La procura federale farà un’ulteriore indagine e ci dovrà nuovamente ascoltare, poichè la loro chiusura delle indagini è antecedente al nostro documento probatorio. Sono sereno perchè non ho nulla da temere.”

Ha qualche rammarico?
“Sì sono rimasto deluso dalla corte di appello regionale che poteva aspettare la chiusura delle indagini prima di toglierci i punti di penalizzazione”

Una breve pausa e aggiunge 
“Noi chiedevamo solo di aspettare il documento che ci avrebbe scagionato completamente. Ora noi dovremmo fare una richiesta di revisione per vederci riconosciuti i punti conseguiti sul campo e, in teoria, lo potremmo farlo per alcune partite e non per altre falsando palesemente il campionato. Comunque il fare tutte queste operazioni ha un costo importante per la società. Sto valutando di chiedere dei danni per questo. Domenica si chiude il torneo di ECCELLENZA e non saremo in grado di capire come saranno posizionate, in maniera ufficiale, le squadre che sono in zona salvezza e questo per non aver aspettato qualche giorno prima di emettere la sentenza di appello della giustizia sportiva regionale.”

Queste le osservazioni del presidente del VALDIVARA GIOVANNI PLOTEGHER che, gentilmente, si è reso disponibile per darci ulteriori spiegazioni su un caso che terminerà oltre la fine ufficiale del campionato di ECCELLENZA.