Il conto alla rovescia è ormai iniziato: Campomorone Sant’Olcese-Pietra Ligure è ormai alle porte e, nel girone A di Promozione, sale l’attesa per quello che a tutti gli effetti sarà il big match della decima giornata. Le due squadre navigano in vetta alla classifica, a braccetto, a quota 20 punti con la squadra di Pirovano che domenica scorsa ha subito l’aggancio da parte dei ponentini. L’1-1 dei genovesi a Ceriale e il contemporaneo 1-0 del Pietra in casa del Certosa hanno permesso ai ragazzi di mister Pisano di agguantare la prima piazza, con il Campomorone che ha comunque tenuto il trono del girone, seppure adesso in coabitazione. Gara determinante per le sorti del campionato? Difficile pensarlo, visto che siamo solo alla decima.

«Ho riletto in questi giorni – racconta Mario Pisano, tecnico del Pietra – un’intervista, proprio sul sito di Dilettantissimo, non ricordo se del mister o di un loro dirigente, nella quale venivamo indicati come la vera favorita per la vittoria finale. Io li ringrazio per la fiducia ma loro sono una squadra che gioca insieme da anni ormai, con un allenatore che in carriera ha vinto qualcosa come 14 titoli, nello scorso girone di ritorno hanno fatto la bellezza di 27 punti, più di Albissola e Pietra. A questo, poi, hanno aggiunto un giocatore come Balestrino. Noi ci siamo rinforzati, è vero, ma abbiamo preso anche diversi giocatori da categorie inferiori, qualcuno che non giocava, qualcuno che era retrocesso con me… Insomma, se c’è una squadra che partiva coi favori del pronostico, credo proprio che debba essere il Campomorone».

E’ innegabile però, mister, che anche voi state facendo molto bene. «Certo. Stiamo vincendo, spesso anche largamente, ma penso che se all’inizio dell’anno avessimo dovuto individuare una squadra che poteva essere accreditata di arrivare sicura ai playoff, questa dovesse essere proprio il Campomorone. Noi siamo una squadra che vale sicuramente i primi 5 posti e domenica ce la giocheremo alla morte però secondo me loro sono più consolidati. Noi ci siamo parecchio rinnovati. Il Campomorone invece è una squadra cinica, compatta, che rischia pochissimo, una squadra insomma davvero difficile da affrontare e questo alla lunga, in un campionato come quello di Promozione, mai così equilibrato come quest’anno, ebbene questa è una dote che alla lunga paga sempre».

Che sia pretattica? Non lo crediamo, conoscendo lo spirito e la sincerità di Mario Pisano. Piuttosto un sano rispetto dell’avversario, questo sì. Quello però che è più che certo è che domenica, a Begato9, sarà davvero una bella partita. C’è da scommetterci.