Proseguono le nostre IG Interviews e per l’occasione abbiamo non una, ma ben tre interviste: davanti allo schermo del proprio smartphone hanno fatto quattro chiacchiere con il nostro Matteo Calautti alcuni giocatori del Vecchio Castagna, attualmente quarto in Seconda Categoria C. Sono Gianluca Pestarino, Stefano Cozza e Luca Bardini.

Ciao ragazzi! Come state vivendo la quarantena?
Gianluca: “A me piace stare a casa di solito, però così è un po’ troppo… Studio, gioco alla play con i miei compagni di squadra. Aspettiamo con calma che finisca tutto.”

Stefano: “Stiamo tutti bene, non ci possiamo lamentare. Tra libri e serie tv aspettiamo che tutto passi.”

Luca: “Casa, film, serie tv, studio… ogni tanto mi concedo di uscire per la spesa e per portare fuori il cane.”

Luca, è lo stesso cane che usi come scusa quando sei in ritardo alle partite?
Luca: “Sì, proprio lui. È la verità, ma non ci crede nessuno…”

E tu, Gianluca, è vero che perdi alla play contro il tuo compagno Goglia?
Gianluca: “Perdo solo se prendo la Sampdoria contro la Juve, se alzo l’asticella non ce n’è per Michael. Finisco la diretta e ci vediamo dopo comunque…”

Ragazzi, qui mi dicono che di studio non se ne parla, siete fuori corso da 20 anni…
Stefano: “È vero, ma studiamo comunque…”

Parliamo di calcio. Come siete arrivati arrivati al Vecchio Castagna?
Gianluca: “Sono arrivato tre anni fa, grazie ai miei amici Luca Bellomo e Luca Bardini. Non era previsto, dovevo restare a Bargagli, ma per questioni lavorative non potevo più giocare il sabato. Si è presentata questa bella occasione e ho fatto un’ottima scelta: è una famiglia, si sta bene.

Stefano: “Dopo Ligorna, 4 anni di San Siro e 1 di Bargagli sono arrivato al Vecchio per giocare un po’ di più.”

Luca: “Sono qui da 8 anni. Sono arrivato dal settore giovanile della Goliardica. Qui c’erano due squadre, e poco dopo una delle due è diventata Vecchio Castagna. Sono rimasto lì e, a 18 anni, ho esordito in prima squadra.”

Il campionato… quarto posto, in linea con le aspettative?
Gianluca: “Le aspettative in realtà erano diverse. Avevamo voglia di riprenderci la Prima Categoria, che ci è stata tolta ingiustamente l’anno scorso, avevamo fatto un grande girone di ritorno con 27 punti, ai play out abbiamo sbagliato due partite e siamo scesi. Volevamo fare bene e ci aspettavamo di più, ma all’inizio abbiamo faticato tanto. Ora però, forse grazie al mio infortunio, ci siamo ripresi. Se ricomincerà tutto, dovremo continuare su questa strada.”

Stefano: “Un po’ al di sotto delle aspettative. Nessuno ci ha chiesto di vincere il campionato, però a dicembre e gennaio abbiamo pareggiato troppo e perso lo scontro diretto con l’Apparizione. Dubito che riprenderà il campionato, se sarà così invece dobbiamo mettercela tutta.”

Qual è il ricordo più bello del vostro settore giovanile?
Gianluca: “Allievi del Ligorna, che siamo arrivati in finale al Torneo di Cairo Montenotte. Una bella esperienza.”

Stefano: “Anche per me il torneo di Cairo, con mister Catania. Due giorni bellissimi, un ricordo piacevole.”

Luca: “Non faccio riferimento a partite, ma ai tornei che facevo quando ero bambino all’Albaro. Il fuoricampo, lo stare insieme e il divertirsi erano la cosa più bella.”

E nel mondo dei grandi?
Gianluca: “La stagione della promozione con il Bargagli. Siamo arrivati secondi dietro solo all’Impero Corniglianese. Ai play off abbiamo vinto con l’Andora: una giornata speciale, sono entrato e ho fatto doppietta. È stato bellissimo, non ce l’aspettavamo. Che peccato non poter fare la Promozione l’’anno dopo per il fallimento della società… Un altro ricordo con il Torriglia, quando abbiamo vinto il campionato. Ma anche al Vecchio Castagna ho vissuto tanti bei momenti.”

Stefano: “Dico il primo anno di “prima cat” con il San Siro di Struppa. Una grande salvezza con tanti amici, un grande ricordo di una bella cavalcata.”

Luca: “La promozione con il Vecchio Castagna dalla terza alla seconda categoria. Era il secondo anno di prima squadra ed è il ricordo più bello che ho. Ho fatto 22 gol da falso nueve.”

Luca, ma è vero che andrai a giocare in Brasile?
“Non sono qui per parlare di mercato, di questo se ne occuperà il mio agente.”

Stefano, che differenza hai trovato tra il vecchio ambiente e… l’ambiente Vecchio?
“Il campo! Mi sono allenato 15 anni al Ligorna con il campo ghiacciato e un’umidità pazzesca. A Quarto invece c’è caldo… si sta di incanto.”

Sempre per Ste, la nostra collega Sara ci chiede chi fosse il tuo giocatore preferito del San Siro.
“All’inizio Nico Ghiglione, grande amico. Soracase è il giocatore più forte con cui abbia mai giocato. Giocatore incredibile il Principe.”

Qual è il giocatore italiano più forte nel vostro ruolo?
Stefano: “Mah, terzini italiani ti dico Luca Pellegrini. Difensore centrali Chiellini.”

Gianluca: “Senza dubbio Ciro Immobile: movimenti, fiuto del gol… ha tutto, è una bestia. Non ce n’è per nessuno.”

Luca: “Mi hai suggerito Tonali, lui ha tutte le caratteristiche per ricoprire tutti i ruoli del centrocampo.”

E a livello mondiale?
Stefano: “Che giocatore incredibile Robertson, una scheggia. E Theo Hernandez del Milan.”

Gianluca: “Io stravedo per Cristiano Ronaldo, che per me rimane il più forte.”

Luca: “Modric, tecnico, rapido, un signor fantasista. Prima che si ritirasse ero un fan di Iniesta, come lui nessuno.”

Diteci il compagno più matto e quello più forte!
Stefano: “Jack Nicoletti con i suoi show. Il più forte diciamo Michael Goglia.”

Gianluca: “Il più matto Miggiano senza ombra di dubbio, i più forti Russo e Iencinella. Anche Bardini, solo perché è un amico…”

Luca: “Beh, per par condicio dico Gianluca allora… Anche Cozza, Russo e Iencinella hanno esperienza e qualità. Ma è il gruppo la componente fondamentale per questa società. Siamo un gruppo fantastico, unito, coeso, è un grande punto di forza.”

Stefano, ma è vero che non vinci mai le partitelle?
“Non ne vinco mezza. Certo che se gli altri si fanno lo squadrone e mi mettono con gli scarsi… Poi lasciamo stare l’arbitraggio del mister!”

Ragazzi, grazie e in bocca al lupo al Vecchio Castagna per il prosieguo del campionato!

A presto con una nuova puntata di IG INTERVIEW!


Interview di Matteo Calautti – Trascrizione a cura di Tommaso Imperato

angelo sorbello

 

IG INTERVIEW: la nuova rubrica Instagram di Dilettantissimo! Ti piace? Allora segui le dirette sulla nostra pagina ufficiale (@dilettantissimo_official): le interviste più belle saranno inserite sul nostro sito www.dilettantissimo.tv!

Ti piace Dilettantissimo? E allora seguici sui social! Sui nostri portali infatti troverai tanti sondaggi anche sui nostri portali! Siamo infatti su Instagram (@dilettantissimo_official), Facebook (Dilettantissimo) Twitter (@Dilettantissimo), oltre al canale Youtube (Dilettantissimo) dove potrai trovare le puntate di Dilettantissimo, Dilettantissimo EXTRA, Serie B, gli highlights, le interviste e tutti i nostri contenuti multimediali!
Inoltre, iscriviti al nuovo canale Telegram di Dilettantissimo (@
DilettantissimoTV) per ricevere tutte notizie direttamente sul tuo telefonino!

CLICCA QUI invece per tornare alla HOME