Il San Cipriano incamera gli ultimi tre punti del suo 2016 battendo a domicilio il Lagaccio di Alfio Scala al termine del recupero di campionato giocato oggi pomeriggio al “Ceravolo”, dopo che la gara era stata rinviata qualche settimana fa per impraticabilità di campo. Padroni di casa avanti al quarto d’ora con Terribile ma, in avvio di ripresa, arriva il pareggio di Antonelli che trasforma dal dischetto. I ragazzi di Scala non ci stanno e, nel giro di una manciata di minuti, tornano avanti sempre con lo scatenato Terribile. Il SanCi a questo punto si gioca il tutto per tutto e, nel finale, trova il gol del pari e poi quello del sorpasso con l’ex di turno Donati. Finisce quindi 3-2 per la squadra di mister Rossetti che, a fine partita, ha però parole di grande elogio per i giovani di Alfio Scala.

«Voglio fare loro un grandissimo applauso – dice il tecnico del San Cipriano – per la sportività e la determinazione mostrata oggi. Complimenti alla squadra e a mister Scala perché, anche se la classifica è quella che è, sono una squadra che davvero non molla mai di un centimetro e oggi ci ha dato del filo da torcere per tutti i 90′. Devo dire che Scala con questi ragazzi sta facendo un grandissimo che darà i suoi frutti, forse non quest’anno ma li darà sicuramente».

Intanto, con questi tre punti, il SanCi si porta fuori dalla zona playout, agganciando in classifica il Real Fieschi a quota 19 punti.

«E’ stata una vittoria importantissima per noi – prosegue Cristiano Rossetti – perché stasera avevamo la possibilità di staccarci dalla zona pericolosa. Adesso siamo in una posizione di classifica impensabile fino a un paio di mesi fa. Di questo devo ringraziare soprattutto la società, che ci ha permesso di lavorare in tranquillità in queste settimane e adesso i frutti si vedono. Portiamoci a casa questi tre punti e passiamo un Natale più sereno. Era fondamentale dare continuità alla vittoria di domenica scorsa, tanto più che adesso siamo proprio in mezzo al guado, con la zona playoff 4 punti avanti e quella playout 3 punti sotto. Senza voler guardare troppo avanti, almeno adesso possiamo cominciare ad alzare lo sguardo, perché sennò rischi di lasciarti deprimere da una classifica negativa. Per questo devo ringraziare il ds Saulle e Fabio Guarnieri che hanno saputo tenere l’ambiente tranquillo così da aiutarci a far bene. Chiudiamo il girone d’andata con 3 punti in più dello scorso annoe questo era un primo, piccolo obiettivo che ci tenevamo a raggiungere».