Si cominciano a contare i giorni in vista della sfida di domenica mattina contro la Nuova Oregina ma in casa Stella Sestrese non si vuol sentir parlare di partita già determinante.

«E’ ancora un po’ presto – commenta Pino Catania, tecnico della Stella – La Nuova Oregina ha avuto un attimo di rallentamento ma i punti che ha e la classifica che ha ci dicono che è sempre una squadra molto ben attrezzata. Credo piuttosto che queste prossime tre partite serviranno a noi per capire meglio chi siamo e qual è la nostra vera forza. Domenica contro la Nuova Oregina, poi a Sampierdarena,che è un campo sempre difficile per noi viste le nostre caratteristiche, contro il Mura Angeli e poi ci sarà il Voltri 87».

A quel punto si potranno tirare un po’ le somme secondo lei? «Come ho detto, lasciamo finire il girone d’andata. Fra l’altro, nel frattempo, il Voltri incontrerà anche il Val Lerone e quindi potremmo capire meglio anche di che pasta è fatto il Val Lerone».

Qual è finora la squadra che l’ha impressionata di più? «Ne dico due: il Borgo Incrociati, che mi è sembrata una buona squadra nonostante la classifica non la premi a dovere per come gioca, ma soprattutto il Ravecca. Penso poi ch bisogna veder anche in che momento le incontri, in che condizione fisica per intenderci. Il Ravecca ad esempio contro di noi ha fatto una grande partita ed è la squadra in assoluto che ci ha messo più in difficoltà fino ad ora. Hanno gamba, hanno corsa, vincevamo 2-0 e poi abbiamo raccolto un pareggio ma in quel caso ci è andata bene».