ALASSIO, MATTEO BATTAGLIA: Getta le stampelle oltre l’ostacolo
Domenica 8 aprile riprende il campionato dopo praticamente 3 domeniche di stop:
Il week end per la sosta pasquale, quello per poter disputare il torneo delle regioni e quello saltato a causa del maltempo che ha praticamente fatto saltare quasi tutte le gare di tre settimane fa.  Alla ripresa l’ALASSIO dovrà fare a meno del suo capocannoniere MATTEO BATTAGLIA a causa di un infortunio che gli ha procurato la rottura del menisco. Abbiamo sentito CARLO NESTI,
motivatore mediatico del F.C. ALASSIO, al quale abbiamo chiesto il suo punto di vista sui tempi di recupero del giocatore:

E’ chiaro che, quando si parla di Matteo Battaglia, non è in ballo solo il destino dell’Alassio, ma anche della classifica cannonieri, e dell’intero girone A. Lui è ancora il leader, con 22 gol, difesi a denti stretti: 1 più di Alessi, 2 più di Romeo, e 4 più di Saviozzi.
Matteo è stato operato di menisco il 26 marzo, e sono passati, quindi, 10 giorni. L’anno scorso, il recupero del suo predecessore Gandolfo fu strabiliante.
Ma ogni atleta fa storia a sè, e l’Alassio, con Battaglia, vuole seguire un percorso diverso, studiato sulla base dei play off.”

Quali saranno i suoi tempi di recupero?
Matteo si è liberato delle stampelle, ma la camminata non è ancora fluida, e saranno necessari 10 giorni, prima che cominci a correre. Di conseguenza, per giocare, se ne riparla a fine aprile, con fiducia assoluta in Lupo. Si sta battendo con fisicità e generosità, e interpreta al meglio lo spirito alassino”.