La vittoria raccolta ieri pomeriggio in casa del Vado ha confermato, se mai ce ne fosse stato bisogno, la bontà della strada intrapresa in queste ultime giornate dalla nuova Rivarolese di Stefano Fresia. Ma in casa degli avvoltoio non si fanno proclami ed è anzi lo stesso allenatore a predicare calma e sangue freddo.

«Per il momento la classifica non la guardiamo neppure – dice Fresia – Preferiamo vivere alla giornata, guardando partita dopo partita. Poi magari, ad un certo punto della stagione, inizieremo anche a guardarla ma non oggi. Quando ho preso in mano la squadra avevamo una classifica davvero pericolosa, decisamente più vicini alla coda che alle posizioni di vertice. In quella situazione, quindi, era primario togliersi da quelle posizioni e ci stiamo riuscendo ma dobbiamo continuare così. Domenica prossima ci aspetta il derby con la Sestrese. Pur non avendola mai giocata, so benissimo che si tratta di una partita molto sentita. In più, la Sestrese è una squadra giovane ma che sta facendo bene. Magari difetta un po’ in esperienza ma so che anche ieri a Santa Margherita, pur uscendo sconfitta, ha fatto una buona partita. Spero di non avere problemi di formazione anche se ieri siamo usciti un po’ malconci e soprattutto stanchi a causa di un campo grande e pesante. Dobbiamo però essere bravi a non sentire la stanchezza fisica, magari grazie alla brillantezza psicologica data proprio dalla vittoria colta ieri, contro una grande squadra»